Rissa all'Arco, ragazzo accoltellato: si cercano gli aggressori | Password Magazine

Rissa all’Arco, ragazzo accoltellato: si cercano gli aggressori

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI Nell’ultimo pomeriggio prima delle ulteriori chiusure della Zona Arancione, nelle vicinanze dell’Arco Clementino si fermano solo polizia e ambulanza. Secondo i testimoni presenti, dopo le 18, fra due gruppi di ragazzi ventenni è scattata una rissa nell’incrocio fra via Roma e viale Cavallotti, con un ragazzo accoltellato e attualmente ricoverato all’Ospedale Torrette di Ancona. Il ragazzo, un giovane fra i diciotto e i venticinque anni proveniente da uno dei comuni della Vallesina, avrebbe ricevuto diverse colpi da un’arma da taglio – non è chiaro se con un coltello o con una bottiglia rotta – nelle immediate adiacenze della Chiesa San Francesco di Paola, spostandosi poi verso la fermata dell’autobus in cerca di aiuto.

Il giovane, prima di essere soccorso dall’ambulanza, è stato raggiunto da alcuni ragazzi (del suo gruppo) che lo hanno assistito fino all’arrivo dei paramedici, che intorno alle 18:20 lo hanno subito portato all’ospedale regionale. Gli aggressori, che secondo i testimoni conoscevano il ferito, sono scappati immediatamente. Alla fermata dell’autobus dell’Arco Clementino – una delle più frequentate di Jesi soprattutto di sabato, dove pendolari e adolescenti si incontrano per prendere l’autobus e tornare verso i comuni dei Castelli – si è riempita di volanti di Polizia e Carabinieri. Sul posto è arrivata anche la Scientifica che ha tracciato gli spostamenti del giovane dal lato di via Roma fino alla fermata dei mezzi pubblici, dove poi si è accasciato.

WhatsApp Image 2020-11-14 at 19.53.17 (1)
Le strisce all’incrocio di via Roma, qui è avvenuta l’aggressione. I rilievi della Scientifica

 

jesi accoltellamento
Il ragazzo è stramazzato a terra in questo punto

Non sono ancora noti i motivi della rissa. I prossimi giorni le Forze dell’Ordine spiegheranno tramite una conferenza stampa i risultati dei rilievi e le conseguenti indagini. Mentre la polizia raccoglieva materiale per le indagini la fermata, come di consueto, si riempiva di ragazze e ragazzi intenti a prendere l’autobus per tornare a casa, ma l’unico argomento fra i gruppi di amici era solo uno. (RB)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.