Sanità: "Degrado a Filottrano e rischio sicurezza" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Sanità: “Degrado a Filottrano e rischio sicurezza”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FILOTTRANO – Riceviamo e pubblichiamo una lettera della F.P. C.G.I.L. dell’Area Vasta 2 in merito alla situazione del Poliambulatorio sanitario di Filottrano.

“Domenica 25 giugno 2017 verso le ore 19,05 all’insorgere del temporale, con pioggia, vento e fulmini, a Filottrano e dintorni in particolare presso il Poliambulatorio sanitario, è avvenuto un black out della corrente elettrica. La struttura è rimasta al buio senza che il generatore si azionasse, lasciando la struttura e in particolare pazienti, infermieri e operatori socio-sanitari al buio per circa quattro minuti. Il black out oltre a lasciare al buio, ha reso inoperosi ed indisponibili i telefoni e le varie apparecchiature per le necessità dei problemi di salute, in pazienti già messi a dura prova in una struttura ristrutturata e inaugurata nel 2010 senza che sia stata previsto un impianto di termoregolazione delle temperatura. Il personale in servizio ha prontamente contattato l’elettricista in turno di reperibilità informandolo del serio problema appena avvenuto, la telefonata è stata fatta con il telefono cellulare del personale in servizio essendo fuori uso i telefoni fissi aziendali. Da quanto si è potuto capire in quegli angosciosi ed interminabili minuti che hanno veramente posto a rischio l’incolumità delle persone, pare che l’elettricista dopo essere stato informato dell’accaduto abbia risposto dicendo che l’Amministrazione è al corrente del problema a proposito del fatto che il generatore non funzioni in caso di emergenza e che presso l’ufficio tecnico preposto già da tempo risulti presentata una relazione tecnica riguardo i motivi per cui il medesimo non funzioni. Ci appare pertanto chiaro il degrado e l’abbandono, se, da come appare, del tutto evidente, chi doveva provvedere concretamente non ha provveduto. Oltre all’interruzione della corrente elettrica, malgrado le finestre fossero chiuse, ma sicuramente senza un’accurata manutenzione, oramai da tempo, in alcuni punti della struttura è entrata acqua dall’esterno allagando la stessa struttura. E pensare che non è ancora passata una settimana dalla segnalazione da noi fatta del disservizio avvenuto al CUP Front Office di Filottrano per carenza di personale creando ulteriore disagio all’utenza.

Per quanto riscontrato, l’Azienda non ha mai provveduto a riparare a dovere i danni ogni giorno sempre più evidenti nei vari ambulatori dove quotidianamente si recano medici e infermieri, e, cosa ancora più importante, dove quotidianamente i cittadini giungono a ricevere la visita medica e le prestazioni, così costretti ad assistere alla visione di crepe sulle mura che incutono angoscia e paura,  dando netta l’impressione di assoluto degrado ed abbandono in cui versa la Sanità Pubblica. Questo oramai sembra essere diventata la prassi, una normalità dove le risorse di bilancio aziendali che dovrebbero servire per la qualità e la sicurezza del bene pubblico Sanità, vengono invece dirottate verso altri lidi, chissà dove e chissà per cosa, certamente a tutto vantaggio del privato, lasciando la Sanità Pubblica nel decadimento più totale, senza salvaguardia delle strutture e delle persone. Ormai è chiaro il disegno, cittadini privati piano piano della Sanità Pubblica, costretti così a dover mettere ulteriormente mano al proprio portafoglio per ricevere cure accedendo in strutture private in quanto il pubblico è messo nelle condizioni di non potere più dare le giuste risposte in situazione di qualità e sicurezza, malgrado gravi sui cittadini il pagamento di tasse, che dovrebbe avere una ricaduta positiva in termini di miglioramento e rafforzamento del bene pubblico. Sorprende, ma crediamo sorprenda ancor più i cittadini, che dopo il nostro ultimo Comunicato Stampa del 22 giugno con espresso invito rivolto ad assumere la seria problematica sia al Presidente della Conferenza dei Sindaci, sia a tutti i Sindaci del comprensorio dell’Area Vasta 2, regni il silenzio più totale. Noi continueremo a segnalare i casi portatici a conoscenza, ormai è un bollettino di guerra quotidiano”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.