Astralmusic

Scatoloni di solidarietà sotto casa, Jesi diventa come Berlino

Astralmusic

JESI – Un gesto di solidarietà semplice, come quello di lasciare uno scatolone fuori casa con abbigliamento pesante, contro il freddo pungente, soprattutto degli ultimi giorni.

L’iniziativa personale di una giovane ragazza jesina ha destato curiosità, grazie ad una foto scattata da una passante e girata tramite social network, a testimonianza di quanto fosse colpita da un gesto immediato, che tutti potrebbero fare potenzialmente. La foto scattata ritrae uno scatolone con una frase scritta: “Prendi ciò che può servirti”.

«L’idea è nata quando, in vacanza a Berlino, ho notato fuori dai portoni delle abitazioni diversi scatoloni: c’erano accessori, oggettistica per la casa, abbigliamento, piccoli elettrodomestici, addirittura poltrone. Mi è sembrato un gesto di grande civiltà, e sono rimasta talmente colpita che, una volta tornata in Italia, l’ho voluto riproporre racconta la ragazza a Password, preferendo non dire nulla sulla sua identità – Così, mi sono resa conto che tanti oggetti che ho in casa sono superficiali, e che magari nelle mani di qualcun altro che ne ha bisogno, possono avere una seconda vita. In Germania è un fenomeno molto diffuso».

Non solo beni di prima necessità quindi, ma anche libri, oggetti poco usati da una persona, possono tornare utili ad un’altra: «Il rischio che potevo correre era quello di ricevere critiche da parte della gente, che poteva giudicare il gesto come una negligenza. Non si tratta di una discarica a cielo aperto. Fortunatamente ho ricevuto solo feedback positivi da parte del vicinato e ho visto anche l’approvazione social, quindi continuerò a portarlo avanti ogni qualvolta, facendo una pulizia profonda in casa, mi accorgerò di avere oggetti che non uso più. Sarebbe bello poter avere la collaborazione di altre persone, magari residenti vicino ai parchi» aggiunge la giovane.

L’iniziativa è stata introdotta meno di due mesi fa e da subito approvata: al momento gli scatoloni vengono posizionati nel parco di Piazza Bramante, ma chiunque può collaborare in maniera anonima lasciando uno scatolone davanti i propri portoni o in altri parchi della città.

 

A cura di Giovanna Borrelli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*