Sgombero dei locali entro il 30 novembre: associazioni maiolatesi sul piede di guerra. - Password Magazine

Festival Pergolesi

Sgombero dei locali entro il 30 novembre: associazioni maiolatesi sul piede di guerra.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
©FOTO PASSWORD MAGAZINE Riproduzione riservata

MAIOLATI SPONTINI– Dal 30 novembre dovranno lasciare le loro attuali, e storiche sedi come conseguenza «della crisi economica e dell’emergenza energetica».

Questa la decisione della commissaria prefittizia di Maiolati, entrata in servizio dopo il decadimento dell’Amministrazione Consoli, e che interessa varie associazioni del territorio di Maiolati Spontini, prevedendo lo sgombero dei locali delle ex scuole medie e elementari e del 6001.

Sul piede di guerra le associazioni coinvolte tra cui, Fotoclub EssePuntoUno, Pro-Loco, Fantasy Twirling, LG2 Vallesina Twirling, Noi di Creart, Banda Musicale L’esina, Anpi MediaVallesina, che hanno diffuso un comunicato dove esprimono profonda indignazione per la scelta.

«In data 25/10/2022, su iniziativa del Segretario comunale di Maiolati Spontini dott. Ugo Boldrini, sono state convocate tutte le associazioni di volontariato in indirizzo. – si legge nel comunicato – Durante l’incontro del 04/11/2022, oltre al Segretario, erano presenti anche i responsabili della terza e della quinta area funzionale.

Il dirigente e gli istruttori direttivi presenti, comunicavano la volontà del commissario prefettizio, dott.ssa Gloria Sandra Allegretto, di revocare ‘ad nutum’, tutti i contratti di comodato in essere con le associazioni, entro il 30 novembre del corrente anno. Con conseguente sgombero dei locali, per tale data. Tutto questo al dichiarato scopo di ridurre i costi d’esercizio dei locali, in particolare, quelli energetici».

Sconcerto per i tempi inesorabilmente breve a cui le varie realtà associative dovranno far fronte. Inoltre le associazioni ricordano e sottolineano l’importante valore sociale, riconosciuto anche dalla Costituzione e affermano il loro diritto a vedersi rinnovato il contratto di comodato:

«Preme rilevare che neanche le procedure di sfratto in sede giurisdizionale civile, hanno tempi di esecuzione così brevi, tanto da apparire, il termine assegnato (addirittura verbalmente), manifestamente irragionevole.

Interrompere l’attività delle associazioni di volontariato, significa negare il principio solidaristico, mirabilmente enunciato dalla Costituzione, agli articoli 2 e 18.

E’ bene ricordare che le associazioni di volontariato erogano, senza soluzione di continuità, servizi alla persona, il cui valore (sociale, culturale ed economico) va ben oltre il costo delle utenze di luce, acqua e gas. Ne consegue che, un provvedimento amministrativo in tal senso, quando verrà formalizzato e notificato, appare, sin d’ora, in contrasto con il principio comunitario di ‘proporzionalità’.

Le associazioni di volontariato che operano da anni nel territorio, hanno maturato il legittimo affidamento a vedersi rinnovare il contratto di comodato. Quindi, la risoluzione unilaterale del rapporto, si pone in diretto contrasto con l’ulteriore principio di diritto comunitario, di tutela del legittimo affidamento».

Incomprensibile, inoltre, dal corpo associativo territoriale le motivazioni per cui tale decisione non possa essere stata lasciata alle valutazioni della prossima amministrazione comunale: «Non si comprendono le ragioni per cui tale decisione, che incide profondamente nel corpo sociale, assumendo, dunque, una forte connotazione politica, non sia stata rimessa alle valutazioni e determinazioni della futura amministrazione locale.

Ci sono altri sistemi per migliorare la situazione finanziaria dell’ente, quali, ad esempio, la lotta all’evasione/elusione fiscale dei tributi locali, il contrasto dell’abusivismo edilizio, la vendita degli immobili infruttiferi, l’estinzione anticipata dei mutui, la riduzione del personale. Sarà interessante verificare quali iniziative intenderà assumere, in tal senso, il commissario prefettizio».

Infine, le associazioni, annunciano la presentazione di un’interrogazione parlamentare sulla questione, riservandosi la possibilità di azione per via giudiziale a difesa dei loro interessi.

«Con la collaborazione dei politici locali, le associazioni, una volta formalizzati i provvedimenti amministrativi, vorranno far pervenire una interrogazione parlamentare, condivisa con gli organi di stampa; salva ogni azione in sede giurisdizionale, a tutela dei propri diritti, ricorrendone i presupposti».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.