Banner Aprile IH Victoria

Soccorso tecnologico, al via la raccolta di pc porta a porta

JESI – Il cittadino jesino Mauro Mariani promuove un’importante iniziativa solidale volta ad aiutare tutte le famiglie in condizioni di disagio sul nostro territorio: grazie all’appoggio del comune di Jesi, della Caritas e in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Federico II, è iniziata la raccolta di computer da donare alle famiglie svantaggiate.

In questo periodo di emergenza sanitaria, quasi tutte le scuole si sono attrezzate per proseguire le lezioni in E-learning con lezioni frontali e vere e proprie interrogazioni online. Ma la cosa a cui non si è pensato è che non tutte le famiglie possiedono un computer: si stima che a Jesi siano 200-250 i bambini e i ragazzi degli istituti comprensivi che si trovano in queste condizioni.

Da qui nasce l’idea di Mauro Mariani, cittadino jesino in pensione, che si è voluto mettere in gioco lanciando un appello: «Apprendendo dai media questa forte carenza di computer in Italia, mi sono subito messo in moto per cercare una soluzione per il mio territorio – spiega Mauro Mariani – mi rivolgo a tutti coloro che a casa hanno un computer non più utilizzato o che è ancora efficiente ma considerato obsoleto per programmi via via più sofisticati, ma sufficiente per i programmi di base. Per voi saranno da buttare, ma per altri saranno il lascia passare all’istruzione».

L’iniziativa è appoggiata dal comune di Jesi, così da non avere problemi di circolazione per la consegna dei computer; dalla Caritas e in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Federico II: «Una volta data la disponibilità, per evitare contatti diretti sarà sufficiente lasciare il computer sull’uscio di casa propria – prosegue Mauro Mariani –  i computer saranno poi verificati da un tecnico della EMJ di Jesi che provvederà anche a cancellare tutti i dati, qualora non fosse già stato fatto, e consegnati ai ragazzi in base a un elenco preparato su segnalazione delle autorità scolastiche. Vi chiedo quindi di segnalarmi la vostra disponibilità a cedere ai ragazzi che ne hanno bisogno i vostri PC e portatili, inutilizzati ma ancora funzionanti, possibilmente completi di mouse, schermo e web camera».

L’iniziativa è partita circa una settimana fa e nei primi tre giorni già ne sono arrivati circa dieci, ma non ancora abbastanza per ovviare ai circa 250 studenti che ne sono sprovvisti: «È importante che tutto si svolga in tempi rapidi per non far perdere ulteriori lezioni agli studenti – conclude Mauro – rischiando di far restare indietro i figli di famiglie svantaggiate che più avrebbero bisogno di un supporto dalla scuola. Motivo per cui estendo l’appello anche a tutte quelle aziende e associazioni locali che potrebbero fare la differenza».

Se si vuole dare una mano, ecco chi contattare:

Mauro Mariani: 328 5897535 / email: mauro.mariani2018@gmail.com / Per problemi tecnici potrete rivolgervi ad Antonio Maurizi di EMJ: 0731-4949

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.