Terremoto: 24 allevatori rimasti senza casa, controlli alle aziende danneggiate

ANCONA – Proseguono i controlli del Corpo forestale dello Stato per fronteggiare la grave emergenza riguardante in particolare le aziende agro zootecniche che hanno subito gravi danni alle strutture. Già dal giorno 27 ottobre u.s, le 20 Stazioni forestali presenti nel territorio delle provincie di Macerata, Ascoli Piceno e Fermo colpito dal sisma stanno monitorando ininterrottamente il territorio, al fine di aggiornare la pesante situazione già riscontrata prima dell’evento dello scorso 30 ottobre ed avere un quadro conoscitivo nel più breve tempo possibile dei danni. Purtroppo, i primi dati raccolti evidenziano un settore zootecnico in ginocchio, con 41 aziende inagibili su 115 controllate, delle quali 24 non dispongono neanche più della struttura abitativa annessa. I danni più gravi sono stati riscontrati nei comuni di Camerino e Matelica, ma anche il territorio del Parco dei Sibillini vive una situazione pressoché drammatica, con gravi danni riscontrati nelle numerose aziende presenti in tutti i comuni. Si attendono ricoveri per oltre 700 animali, tra cui 200 bovini, 450 pecore e 60 cavalli, comprese le 24 strutture abitative da adibire ad alloggio per gli allevatori. I sopralluoghi vengono svolti in adesione al “Piano territoriale di monitoraggio, ricognizione dei bisogni e dei danni subiti dalle aziende agro zootecniche delle province colpite” predisposto dall’Ispettorato Generale del CFS dallo scorso 31 ottobre. Inoltre, al fine di garantire il necessario supporto alle aziende e standardizzare le informazioni, dallo scorso 2 novembre è operativa la nuova procedura di acquisizione dati mediante la compilazione di un questionario emergenza 1515 da parte degli operatori della Centrale Operativa del Corpo forestale dello Stato, i quali risponderanno alle chiamate degli allevatori e agricoltori colpiti dal sisma. Il piano di ricognizione assume un ruolo fondamentale per poter garantire il sostegno alle piccole aziende agro zootecniche le quali rivestono un ruolo di primaria importanza nel tessuto socio economico che contraddistingue il territorio montano colpito dal sisma. L’obiettivo primario è quello di assicurare la quotidianità del lavoro e le minime condizioni di vivibilità per il personale addetto alle aziende.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.