Torre di via Tessitori, Bacci: "Per bloccare il progetto, occorre risarcire Erap " | Password Magazine

Torre di via Tessitori, Bacci: “Per bloccare il progetto, occorre risarcire Erap “

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – “Accolgo con favore la nascita di un nuovo comitato di cittadini, pur limitandomi a evidenziare il ritardo, di almeno una decina di anni, con il quale irrompe nella scena politica. Spero almeno che non sia “apolitico” alla stessa maniera del comitato partitico di piazza Pergolesi”. Così il sindaco Massimo Bacci in merito alla notizia della costituzione del neo “Comitato Parco del Granita” promosso dai residenti nel quartiere San Giuseppe, con il fine di  evitare la costruzione  del grattacielo in via Tessitori e  ottenere invece una vera riqualificazione dell’intera area compresa tra la via San Giuseppe e il torrente Granita.

“Nel merito della questione: l’area di via Tessitori è stata venduta all’Erap per circa 900 mila euro dalla società Campus Boario, creata dalla precedente amministrazione e da noi chiusa per arginare le pesanti perdite che stava producendo (la vendita dell’area, effettuata sempre da quelli che governavano prima di noi, è legata proprio a questo). Anche nel lontano 2007, quando se ne parlava, il quartiere di San Giuseppe era densamente abitato. Non è pertanto cambiato alcun contesto, come è stato detto da alcuni, semplicemente è stato commesso un errore di valutazione: personalmente mi sarei mosso diversamente – puntualizza Bacci –  A mio parere, l’unica maniera per bloccare il progetto è chiedere ai cittadini un contributo per risarcire l’Erap – che fra l’altro ha ottenuto dalla regione un finanziamento di circa 2,5 milioni per tale costruzione – dei soldi già spesi. Mi sorprendono pertanto le accuse arrivate da esponenti di partito che hanno creato il problema e che oggi lo rinnegano senza indicare alcuna soluzione. Il fatto che un comitato si sia interessato, seppur con ritardo, alla questione è comunque importante e restiamo a disposizione per confrontarci e capire se vi sono altre strade che noi, al momento, non vediamo”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.