San Paolo di Jesi, torna la "Festa del vi' de Visciola" | Password Magazine
Festival Pergolesi

San Paolo di Jesi, torna la “Festa del vi’ de Visciola”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

SAN PAOLO DI JESI – Si è messa in moto la macchina organizzativa della nuova edizione della “Festa del vi’ de Visciola”, che vede sia la Pro loco che l’Amministrazione comunale di San Paolo di Jesi unite nello stesso obiettivo di fare del vino di visciole, riconosciuto come prodotto tradizionale marchigiano, un elemento distintivo del paese: un volano per il turismo ma anche per l’economia. Insomma, un’eccellenza del territorio capace di diventare motore per una crescita che, sempre più spesso, si coniuga con l’agricoltura e con le sue risorse.

La festa che andrà in scena nel piccolo centro collinare dal 18 al 20 ottobre, infatti, non è una semplice sagra che mette al centro un prodotto locale, in questo caso il nettare ricavato dal prelibato frutto, ma il momento clou della politica di promozione del territorio basata sulle tipicità e sull’enogastronomia. La tre giorni di festa trasformerà il paese: con i colori degli addobbi, come quelli della statua di Bacco in cartapesta sulla porta d’ingresso del Castello, del camion dei vigili del fuoco ribattezzati “Viscioli del fogo”, e della mega bottiglia nella piazza centrale, con gli odori, non solo del vino ma anche dei cibi preparati con le visciole, e con i sapori apprezzati ogni volta da migliaia di visitatori.

La quarta edizione della festa sarà caratterizzata da appuntamenti qualificanti come il convegno che sancirà l’avvio di una prestigiosa collaborazione con l’Università politecnica delle Marche e con una scuola, l’istituto alberghiero di Senigallia, che traducono nella pratica il concetto di valorizzazione del territorio sulla base delle eccellenze e della qualità.

“Pensiamo che il vino di visciole, un prodotto apprezzato e di cui aumentano i cultori – osserva il sindaco di San Paolo di Jesi Sandro Barcaglioni – possa diventare, accanto al Verdicchio e all’olio extravergine di oliva, già fiori all’occhiello di questo territorio, un elemento fortemente distintivo per il nostro Comune e per l’intera Vallesina. Un fattore su cui puntare anche per far muovere l’economia, partendo dall’agricoltura e arrivando a un settore vivace e in crescita come il turismo”.

E in questo ambito che è nata l’idea di destinare vari appezzamenti di terreno di proprietà comunale alla piantumazione di almeno duecento, all’inizio, alberi di visciola. Terreni e piante che saranno affidate in gestione alla facoltà di Agraria dell’Università Politecnica delle Marche.

“Saranno una sorta di laboratorio a cielo aperto – spiega l’assessore comunale Angelo Zannotti – per studenti e ricercatori universitari. La partenza del progetto avverrà simbolicamente con la consegna di duecento piante di visciola, da mettere a dimora nei terreni comunali, al professor Davide Neri, dell’ateneo dorico, nel corso del convegno in programma nella giornata di sabato 20 ottobre, nell’ambito della Festa”.

La manifestazione, organizzata dalla Pro Loco San Paolo di Jesi, con il patrocinio del Comune, della Provincia di Ancona e della Regione Marche, propone un calendario ricco e variegato: degustazioni negli stand gastronomici, dove sono serviti piatti caratteristici a base di visciola, mostre, mercatini, rievocazioni storiche, concerti e spettacoli con gruppi musicali di grande richiamo.

La festa inoltre rinnova il gemellaggio, inaugurato l’anno scorso, con un’altra iniziativa unica, la “Cavata delle zitelle”. Le ragazze saranno protagoniste del rito dell’imbossolamento, per l’estrazione dell’8 dicembre, della sfilata in costume d’epoca e della gara di pigiatura.

Comunicato da: Pro Loco di San Paolo di Jesi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.