Tragedia di via San Francesco, oggi i funerali di Rita Mazzarini | | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

Tragedia di via San Francesco, oggi i funerali di Rita Mazzarini

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Erano scese le tenebre nei cuori ma poi è arrivata la luce della verità. Queste le parole che oggi, durante i funerali, il parroco don Marco Micucci ha rivolto alla famiglia di Rita Mazzarini, l’anziana di 82 anni morta in casa sabato scorso nell’appartamento di via San Francesco, dove qualche minuto dopo, anche il marito Alvaro Bimbo, 87anni, tentava di togliersi la vita tagliandosi le vene immerso nella vasca da bagno.

Il feretro, dalla camera ardente allestita presso la casa funeraria Bondoni, ha raggiunto questo pomeriggio la Chiesa di San Francesco d’Assisi, piena di parenti, amici e conoscenti accorsi per l’ultimo saluto a Rita e per confortare la famiglia, in primis i figli Carlo e Luana distrutti dal dolori. La Mazzarini era “di casa” nella comunità parrocchiale.

“La notizia della morte di Rita è arrivata sottoforma di cronaca nera, si parlava inizialmente di femminicidio – racconta il parroco – Per un momento l’oscurità del male ha pervaso i nostri cuori. Ma poi Cristo ha mandato una luce sulla verità”. Rita sarebbe morta per cause naturali: “Una morte senza dolore – rassicura il parroco – Lui vedendola ha vacillato, ha dubitato e ha tentato di togliersi la vita ma ora è salvo”.

Rita e Alvaro, una coppia felice e innamorata: nella gioia, cinque anni fa, avevano festeggiato proprio nella Chiesa di San Francesco le nozze d’oro.

La tremenda perdita della moglie che gli era sempre stata al fianco, devota, ha provocato un gran dolore in Alvaro, tanto da spingerlo ad un gesto estremo. “Non so cosa mi sia successo – avrebbe confidato Bimbo al parroco, in visita da lui in ospedale – prega anche per me”.

Alvaro dovrà essere ascoltato anche dagli inquirenti per ricostruire cosa sia accaduto nel tardo pomeriggio di sabato scorso in quell’appartamento. Secondo le ricostruzioni del medico legale, Rita è stata colta da uno scompenso cardiaco (alterazione del battito) subito prima o subito dopo la caduta che le ha provocato una contusione alla testa. Il contesto in cui il malore si è manifestato deve essere ancora ricostruito.

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.