Tre volte in ospedale in un mese per le botte dal fidanzato, denunciato

ANCONA – Nelle ultime ore, i poliziotti della Squadra Mobile della Questura di Ancona, Sezione Reati contro la persona e a sfondo sessuale, coordinati dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Ancona, hanno concluso un’attività investigativa che ha avuto come epilogo, l’applicazione di un’ordinanza della misura cautelare del divieto di avvicinamento e di comunicazione con qualsiasi mezzo, a carico di un anconetano, di 30 anni, responsabile di maltrattamenti e lesioni aggravate, commesse ai danni della sua fidanzata convivente, di 20 anni, anch’essa anconetana.

La vicenda giudiziaria trae origine dalla denuncia sporta dalla vittima negli uffici della Polizia, dove la donna raccontava agli investigatori di essere stata vittima per mesi, di continue violenze e maltrattamenti psicologici (4 volte all’ospedale, di cui 3 in un mese). L’attività investigativa che ne scaturiva, condotta negli ultimi due mesi dagli agenti della Squadra Mobile dorica, permetteva di appurare diversi fatti di violenza commessi dall’uomo nei confronti della sua convivente. Sono stati raccolti minuziosamente, sotto il coordinamento della competente Autorità Giudiziaria, referti medici e testimonianze nonché preziosi riscontri fotografici e documentali che hanno rafforzato il quadro probatorio già ampiamente evidenziato dalle dichiarazioni della vittima.

La successiva richiesta di adeguata misura cautelare avanzata dalla procura della Repubblica di Ancona, permetteva di ottenere, in tempi brevissimi, l’emissione da parte del Giudice per le Indagini Preliminari, del provvedimento di cui sopra.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*