Una mozione comunale per mantere viva la Fondazione Colocci

JESI – I Capigruppo di Jesiamo, Patto per Jesi e Insieme Civico – Paola Lenti, Alfredo Punzo, Giorgio Rossetti – hanno presentato una mozione con cui, richiamate le vicende legate al D.Lgs 183 del 22 novembre 2015 (c.d. decreto salva banche) ed il coinvolgimento di un elevato numero di azionisti ed obbligazionisti privati, nonché delle Fondazioni interessate, fra cui CARISJ, che ha visto azzerato in una sola notte il suo pacchetto azionario di 50 milioni di euro, oltre ai 18 milioni di obbligazioni subordinate, e così drasticamente ridotto il patrimonio e compromessa l’attività benefica svolta dalla stessa Fondazione con contributi, donazioni e liberalità verso il territorio di Jesi, della Vallesina e di Senigallia, hanno chiesto al Consiglio Comunale di Jesi di esprimere ferma contrarietà alla decisione assunta unilateralmente da Fondazione Carisj, uno dei soci della Fondazione Colocci, di venire meno agli impegni presi per la contribuzione a favore della stessa, e di invitare la Fondazione Carisj a riconsiderare le scelte fatte, tali da pregiudicare il funzionamento della Fondazione Colocci.

     “La Fondazione CARISJ, peraltro – scrivono in una nota stampa – avrebbe al suo interno le risorse necessarie e potrebbe pure ricorrere a tagli e riduzioni in altri settori, sì da mantenere il suo contributo e permettere il proseguimento delle attività formative e culturali della Fondazione Colocci: in difetto, risulterebbe evidente l’impossibilità, da parte di CARISJ, di poter conseguire i propri fini istituzionali o statutari, ed il fatto di trovarsi, praticamente, in una situazione di liquidazione”.

     I Consiglieri Comunali hanno altresì chiesto all’Amministrazione Comunale di valutare ogni iniziativa per permettere il mantenimento dei corsi universitari a Jesi, continuando la collaborazione con l’Università di Macerata, e di salvaguardare nel contempo anche i posti di lavoro dei dipendenti della Fondazione Colocci, e di attivarsi per quanto possibile a che la Fondazione CARISJ possa valutare e decidere di destinare stabilmente le proprie residue risorse per finanziare la Fondazione Colocci, o comunque lo svolgimento di corsi universitari a Jesi, preferendo tali impieghi a quelli volti a coprire costi di funzionamento di una struttura oggi almeno sovrabbondante.

Nel contempo, con la mozione si chiede all’Amministrazione Comunale di attivare e coinvolgere ogni forza imprenditoriale ed economica nell’obiettivo di avere un necessario supporto economico per il mantenimento di corsi universitari a Jesi, anche per cercare di  comprendere come sia percepita e considerata l’importanza dei corsi universitari a Jesi, gli attuali od altri semmai da individuare, e quale ne sia la reale ricaduta sul territorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*