Unione Vallesina: con la Prefettura, un protocollo per la sicurezza | Password Magazine
Festival Pergolesi

Unione Vallesina: con la Prefettura, un protocollo per la sicurezza

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

L’Unione dei Comuni della Media Vallesina e la Prefettura di Ancona hanno sottoscritto un protocollo d’intesa sulla sicurezza urbana. Un atto che impegna i due enti ad avviare e sviluppare ulteriormente iniziative congiunte di prevenzione sociale per migliorare la qualità della vita nei sette Comuni dell’Unione.

La nuova e più stretta sinergia è stata sancita con la firma, avvenuta giovedì 14 giugno ad Ancona, del protocollo sulla sicurezza urbana da parte del prefetto Paolo Orrei, del presidente dell’Unione dei comuni della Media Vallesina Sandro Barcaglioni e dei sindaci delle sette amministrazioni che fanno parte dell’organismo sovracomunale, cioè Maiolati Spontini, Castelplanio, Castelbellino, Monte Roberto, Montecarotto, San Paolo di Jesi e Poggio San Marcello. Alla cerimonia erano presenti anche il sindaco di Ancona Fiorello Gramillano, il commissario straorinario della Provincia di Ancona Patrizia Casagrande, il questore Arturo De Felice, il comandante provinciale dell’Arma dei carabinieri Liviano Marino, il comandante provinciale della Guardia di Finanza Antonio Morelli, il comandante provinciale del Corpo forestale Giancarlo D’Amato e il comandante della Polizia locale dell’Unione Giovanni Carloni.

L’iniziativa rappresenta per l’Unione dei Comuni un ulteriore traguardo verso il potenziamento dei servizi gestiti in maniera consorziata. Nel protocollo firmato ad Ancona, approvato in precedenza dal Consiglio dell’Unione e dai singoli Comuni aderenti, vengono toccate diverse tematiche che spaziano dal tema degli appalti alla riqualificazione delle aree urbane, dal contrasto delle forme di illegalità che hanno come vittime i bambini, le donne e gli anziani, alla prevenzione delle dipendenze da sostanze stupefacenti e dall’alcool, dall’assistenza alle vittime dei reati, alla promozione di azioni per favorire lo scambio multiculturale con gli immigrati.

Il presidente dell’Unione Barcaglioni ha espresso soddisfazione per l’accordo ma ha anche sollecitato il prefetto, insieme agli altri sindaci, affinché sia data la possibilità all’organismo sovracomunale di incrementare la dotazione organica della Polizia locale, così come prevede la legge che stabilisce la presenza di un vigile ogni mille abitanti. “Siamo sottodimensionati – ha ricordato il presidente Barcaglioni – e per garantire l’effettiva attuazione di quanto prevede il protocollo, nel territorio di oltre 22 mila abitanti dell’Unione, dovremmo poter contare anche su altro personale, nonostante il blocco delle assunzioni”. L’accordo svilupperà, infatti, proprio una collaborazione fra forze dell’ordine e Polizia locale

“Il protocollo che abbiamo firmato è un nuovo tassello di quel percorso di concertazione e sinergia conla Prefettura– ha sottolineato Barcaglioni – attraverso cui ci proponiamo di dare maggiori garanzie al cittadino. Un aspetto importante del documento riguarda la promozione di una cultura della legalità che passa attraverso il controllo del territorio ma anche la collaborazione con gli istituti comprensivi per diffondere fra i giovani il concetto stesso di legalità”.

Con la firma, il protocollo è diventato operativo. Scatteranno da subito, quindi, le azioni finalizzate a garantire in maniera sempre più forte la sicurezza dei cittadini. Ciò sarà possibile grazie a una stretta collaborazione tra Prefettura e Unione dei Comuni “nell’ottica basilare di un concetto di sicurezza ampio – si spiega nel testo del protocollo – nel quale la prevenzione assume una rilevanza preminente e, nella prevenzione, un ruolo determinante assumono le iniziative volte a favorire nel complesso un livello quanto più possibile elevato di pace sociale, di sicurezza, di qualità della vita”.

Insomma, forze dell’ordine e Polizia locale dell’Unione agiranno, nel rispetto delle reciproche competenze, attraverso “interventi sociali, urbanistici, di controllo, di prevenzione e anche di repressione tali da permettere di incidere al meglio sul tessuto ambientale”.

Il documento prevede, in alcuni articoli, un impegno congiunto di Prefettura e Unione dei Comuni, in altri responsabilità specifiche dell’uno o dell’altro ente. Lo sforzo sarà congiunto per “mantenere e sviluppare forme di coordinamento tra forze dell’ordine e Polizia locale, mirate a valutazioni congiunte su specifiche situazioni problematiche relative alla sicurezza e all’ordine pubblico, ai fini di adeguati interventi”, per organizzare “itinerari didattici di educazione alla legalità, rivolti alle scuole”, per interventi “in aree territoriali ove siano emerse particolari problematiche relative alla sicurezza”, per rendere “il più possibile incisiva l’azione di prevenzione dell’abuso dell’alcool e delle tossicodipendenze e l’attività delle forze di polizia volta alla repressione del fenomeno dello spaccio di stupefacenti”. Nel testo di parla anche di “iniziative mirate alla diffusione di misure destinate alla prevenzione e al controllo del rispetto delle condizioni che garantiscano la sicurezza sui luoghi di lavoro”, di interventi per “favorire nei residenti e nei migranti la comprensione e la conoscenza delle reciproche culture” e di “gestione di percorsi di uscita dal mondo della prostituzione e di reinserimento sociale di persone in condizioni di sfruttamento”.

Da parte sua, l’Unione si impegna, fra l’altro, a “proseguire e sviluppare le iniziative di carattere sociale per il miglioramento e la riqualificazione di aree urbane” , ad “acquisire un flusso informativo sugli appalti”, e a garantire attraversola Polizialocale “azioni di prevenzione presso gli istituti scolastici, vigilanza nei parchi, attività di sensibilizzazione, a fini preventivi e di informazione, su possibili forme di truffe o raggiri, specialmente nei confronti delle persone anziane, prevenzione e controllo dei fenomeni di disturbo della quiete pubblica e la più ampia disponibilità, anche negli eventuali turni serali, nella rilevazione degli incidenti stradali in ambito urbano, per consentire alle forze dell’ordine di impegnarsi più fattivamente nella prevenzione dei reati e nel contrasto alle varie forme di criminalità”.

Ma anche la Prefettura ha messo nero su bianco degli impegni precisi, come “adoperarsi affinché la dotazione organica delle caserme dei carabinieri del territorio dell’Unione dei Comuni della Media Vallesina sia mantenuta ad un livello adeguato per il presidio di un territorio in costante evoluzione e con un crescente numero di abitanti e di attività economiche” e a “favorire ogni possibile iniziativa per consolidare la raccolta a domicilio da parte delle forze di polizia delle denunce relative ai reati subiti dai cittadini diversamente abili e persone anziane”.

Comunicato da: Unione dei Comuni della Media Vallesina

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.