Uniti per Castelbellino: «La rotatoria si farà con le giuste caratteristiche tecnico-costruttive» - Password Magazine

Festival Pergolesi

Uniti per Castelbellino: «La rotatoria si farà con le giuste caratteristiche tecnico-costruttive»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
CASTELBELLINO – «La rotatoria si farà con le giuste caratteristiche tecnico-costruttive». Così Uniti per Castelbellino, gruppo politico di maggioranza, precisa sui social in merito alle accuse dell’opposizione di aver rigettato il progetto dell’Anas.
«Nella proposta dell’ANAS (in nero nell’immagine sotto riportata), l’unica strada comunale che converge sulla rotatoria, Via Molino, non ha un normale ingresso sulla stessa ma uno Stop, molto simile a quello odierno. Uno stop su una rotatoria non è proprio il massimo dal punto di vista della sicurezza, in quanto chi si immette sulla rotatoria da via Molino dovrebbe attendere che la stessa si liberi da tutti i veicoli, cosa che non avviene quasi mai, creando situazioni pericolose. Ecco perchè Comune e Provincia hanno proposto una variante al progetto (in rosso nell’immagine sotto riportata) dove anche per via Molino l’ingresso sulla rotatoria prevede un dare precedenza e non uno stop».
299741685_445456614283832_2287507435657346825_n
Le illustrazioni pubblicate da Uniti per Castelbellino sui social
«Nel terzo schizzo si vede la differenza dei due progetti, che è minima: praticamente nel progetto Comune-Provincia la rotatoria è arretrata verso la superstrada soltanto di pochi metri. A fronte di quanto sopra esposto l’ANAS ha sostanzialmente chiesto al Comune di Castelbellino e alla Provincia di Ancona di ‘definire meglio la proposta progettuale debitamente firmata da tecnico abilitato, nella sua interezza. Tale proposta sarà valutata da questa Amministrazione e, se condivisa, si dovrà procedere alla sottoscrizione di idonea Convenzione per il successivo iter approvativo e realizzativo’. Ovviamente il Comune di Castelbellino e la Provincia di Ancona stanno agendo proprio in tal senso ed hanno già avviato la procedura per dare ad un tecnico abilitato il compito di redigere il progetto».

F3FD7552-F0A9-4239-A97A-7EA6694F6ACE
Federica Carbonari, capogruppo Ritroviamo Castelbellino
Dall’opposizione Federica Carbonari, capogruppo Ritroviamo Castelbellino, replica: «Prendiamo atto di quello che scrive l’Amministrazione comunale che ancora una volta denota di non comprendere quello che sia il comitato che l’opposizione obbietta».
«A parte il fatto che ancora non riescono (..o semplicemente non  vogliono!) capire cosa  stanno chiedendo il Comitato e i cittadini e che hanno sottoscritto  l’esposto». Il riferimento è alla decisione del Comitato cittadino di via Molino di rivolgersi alla Procura della Repubblica di Ancona presentando un esposto sottoscritto da oltre 150 cittadini nel quale vengono illustrate tutte le criticità riscontrate dai cittadini in quel tratto di strada: «Il comitato ha presentato un esposto relativa alla mancata sicurezza dell’area, che è una circostanza ben diversa rispetto alla questione rotatoria che, semmai, rappresenta la formula vincente per i vari problemi di sicurezza legato allo svincolo, ma è differente dalla prima questione! Ma poi: come mai il Comune e la Provincia in questa nuova progettazione non si sono confrontati minimamente con il comitato come ha fatto l’ANAS?».
Incalza la Carbonari: «Si ribadisce che nell’area  si lamenta mancanza di sicurezza…che ad oggi non è un problema che ha toccato chi da vent’anni doveva occuparsi della questione ma non si è mai mosso! Anzi: ci si è accorti guarda caso solo ora della problematica perché l’opposizione consiliare e il comitato avevano raggiunto e centrato obiettivi in pochissimo tempo. Obiettivi (progetto rotatoria svincolo e sicurezza dell’area) per cui chi avrebbe dovuto impegnarsi e fare da vent’anni facendo concretamente qualcosa oggi invece ostacola (forse solo per motivi politici, perché a questo punto è lecito pensarlo!). Con il rischio concreto di mandare letteralmente “tutto in cavalleria”. Complimenti davvero insomma!  Poi che la sicurezza la si raggiunga  con una rotatoria, con un semaforo o altro…poco importa.. .purché lo si faccia! Ma i fatti e le carte, di cui tutti i cittadini e non solo sono testimoni (carta canta, scripta manent)  parlano chiaramente: non c’è stata e non c’è ancora la volontà da parte dell’amministrazione e della provincia di fare qualcosa nell’ambito della sicurezza!».
Infine, Ritroviamo Castelbellino aggiunge: «Non possiamo che ringraziare la nostra amministrazione per tutto ciò che ha detto, perché in sostanza ha semplicemente confermato e avvalorato ogni singola parola che ha detto la nostra capogruppo: un progetto dell’ANAS c’era, ma a quanto pare, per gli altri enti l’ANAS non è all’altezza di fare progetti, né di modificarli perché non hanno fatto altro che dimostrare che questo progetto poteva essere rettificato attraverso dei fondi pubblici già stanziati. Invece no, il comune di Castelbellino e la Provincia dovevano bocciarlo in conferenza dei servizi, per poi – forse – riproporne un altro che “magicamente” appare solo su Facebook e che non è stato sottoposto all’ANAS fino a due settimane fa…una magia in cui però non è dato comprendere chi sia il tecnico e per cui di questo passo ci troveremo a buttare via soldi pubblici già stanziati! Complimenti a tutti! Abbiamo visto che non comprendete le parole di un Comitato di cittadini e di RitroviAmo Castelbellino che da anni si batte per questa cosa e che ha raggiunto ottimi risultati!».
Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.