Vaccini e Case di Riposo: a che punto siamo? | Password Magazine

Vaccini e Case di Riposo: a che punto siamo?

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Piano di vaccinazione nelle strutture residenziali per anziani, qual è il punto della situazione?

Sarebbero dovute partire questa settimana le vaccinazioni secondo il piano regionale a favore degli operatori sociosanitari e degli ospiti delle strutture residenziali per anziani dell’Asp Ambito 9, ma il processo risulta interrotto in attesa di indicazioni da parte dell’ASUR. «La maggior parte degli operatori non è stata vaccinata così come gli ospiti. Siamo in attesa di comunicazione da parte dell’ASUR» ha detto a Password il direttore dell’Asp Ambito 9 Franco Pesaresi, in occasione della conferenza di presentazione delle attività dei servizi sociali 2021 insieme al presidente Matteo Marasca.

La campagna di vaccinazione quindi procede a rilento e cresce l’attesa per il vaccino nelle strutture residenziali, facenti parte della prima fase della campagna nazionale, che prevede la somministrazione non solo agli operatori sanitari e sociosanitari degli ospedali ma anche a quelli delle RSA e relativi soggetti ospitati.

L’attesa è anche quella dei familiari degli anziani accolti nelle strutture, costretti da mesi a causa della pandemia, ad avere contatti solo telefonici con i propri cari o attraverso una vetrata di protezione come avviene già nella casa di riposo di via Gramsci di Jesi o a Maiolati Spontini.

L’ assessore alla Sanità del Comune di Jesi Marialuisa Quaglieri si è espressa sulla questione auspicando che i vaccini arrivino quanto prima, coinvolgendo anche nel piano le fasce più fragili della popolazione:  «Ci auguriamo che le dosi arrivino presto, non solo per gli anziani ma si spera anche per tutti coloro in condizioni di fragilità, come disabili, persone affette da autismo e soggetti maggiormente a rischio. Sono certa che la Regione con la propria sensibilità terrà conto anche di queste fasce di popolazione, importanti per la nostra comunità, e saprà, non appena avrà a disposizione le dosi di vaccino, privilegiare i più fragili. Il  vaccino è utile per tutti, ma certamente dobbiamo dare un ordine di priorità». L’assessore aggiunge inoltre: «Noi stiamo facendo la nostra parte, portando intanto avanti un’operazione di censimento e di raccolta dei consensi da inviare all’ASUR per gli anziani, che siano autosufficienti o seguiti da amministratori di sostegno».

Ad oggi più di una struttura residenziale sul territorio della Vallesina si è ritrovata in isolamento in quanto interessata da focolai di covid. Come è avvenuto di recente alla casa di riposo di Morro d’Alba, in cui l’80% degli ospiti e un operatore erano risultati positivi al covid. Anche nella struttura di Jesi era stato riscontrato un focolaio all’inizio della secondata andata: oggi la situazione è migliorata e l’Asp Ambito 9 mantiene un’alta osservanza delle regole e delle linee guida di prevenzione per scongiurare altre trasmissioni. Casi di contagio si sono invece recentemente verificati, come è noto, nella struttura privata del Collegio Pergolesi. (C.P.)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.