«Vaccini, vietato abbassare la guardia». Intervista alla dott.ssa Marilena Canonico

Intervista alla dott.ssa Marilena Canonico dell’Asur Marche

La dott.ssa Marilena Canonico

SALUTE – Vaccinazioni. I dati diffusi ad inizio mese dal ministero della Salute, riferiti al primo semestre dello scorso anno, dicono che per l’esavalente, contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite, epatite B e influenza di tipo B, 13 regioni sono oramai oltre la soglia di sicurezza del 95%. E le Marche, come si posizionano? Lo abbiamo chiesto alla dott.ssa Marilena Canonico, Specialista in Igiene e Medicina Preventiva, dirigente medico dell’Asur Marche presso il Dipartimento di Prevenzione di Ancona, Servizio Igiene e Sanità Pubblica – Sorveglianza e Prevenzione delle Malattie Infettive e Cronico Degenerative. «Per i 0-16 anni – spiega la dott.ssa Canonico – grazie ai recuperi della Legge 119/2017, siamo intorno al 95% di copertura, un buon livello di sicurezza per il singolo e per la collettività. Non bisogna però abbassare la guardia! Ma il dato più interessante è che molti adulti si sono avvicinati ai vaccini».

Per esempio? «Donne in gravidanza per il trivalente Difterite, Tetano, Pertosse, per proteggere i neonati nei primi mesi di vita; personale sanitario e scolastico per il richiamo Difterite, Tetano, Pertosse (da fare ogni 10 anni) e per il trivalente Morbillo, Parotite, Rosolia; anziani per il vaccino contro l’influenza, lo Pneumococco e l’Herpes Zoster (il cosiddetto “Fuoco di Sant’Antonio”). Insomma, oggi i vaccini sono 0-99 anni. E per lo più gratuiti, perché sono un diritto alla salute. Ma anche un dovere verso la collettività».

Si parla tanto dei vaccini. A cosa servono? «Storicamente, sono nati per prevenire malattie infettive molto contagiose o molto gravi, perché hanno un alto rischio di complicanze e di mortalità. Oggi si è fatto un passo avanti, perché servono anche a prevenire i tumori: penso al vaccino contro il Papilloma virus e a quello contro l’Epatite B. E ci sono molte novità in studio: anche un vaccino contro la dipendenza dal fumo».

Perché sono sorte perplessità se non addirittura avversità nei loro confronti? «Per sfiducia verso le istituzioni e la scienza, che ha ridotto la comunicazione efficace tra medico e cittadino. Per un’involuzione culturale in cui la pretesa del diritto e della libertà individuale predomina sul senso del dovere collettivo e sociale. Per disinformazione. Per il diffondersi di fake news che alimentano la paura e che nei social hanno trovato una facile cassa di risonanza. Tutto questo non aiuta la pratica vaccinale, che viene fatta su soggetti sani e che richiede fiducia nel sistema, senso del dovere da ambo le parti e una corretta informazione sanitaria».

Sta arrivando l’estate. È tempo di vacanze e di viaggi… «E di vaccini! Oggi, per andare ovunque nel mondo bisogna vaccinarsi per stare in sicurezza. Contro le malattie trasmesse da acqua e cibi contaminati (tifo, epatite A, colera), contro le malattie trasmesse da zanzare e altri vettori (malaria, febbre gialla, encefalite giapponese, encefalite da zecca), contro le meningiti batteriche, la rabbia, il tetano, la poliomielite… Molti di questi vaccini, una volta fatti, durano per tutta la vita e prima di ogni viaggio è buona norma chiedere il counseling medico (gratuito) al Servizio vaccinale d’appartenenza: si pagano solo i vaccini che si decide di fare».

A cura di Marco Torcoletti

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*