Via Tessitori, incontro pubblico positivo | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Via Tessitori, incontro pubblico positivo

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – L’incontro pubblico di ieri al teatro “Il Piccolo” di San Giuseppe sulla riqualificazione degli spazi pubblici e sul nuovo intervento residenziale in via Tessitori ha chiarito ai presenti in maniera esaustiva la portata degli interventi.

La puntuale illustrazione dell’ing. Maurizio Urbinati dell’Erap, che si ringrazia per la preziosa presenza, ha permesso di apprezzare la qualità dell’intervento edilizio destinato a famiglie con buona capacità economica (reddito Isee fino a 39 mila euro) per sostenere gli affitti su appartamenti da 40 a 70/80 mq. che varieranno dai 250 ai 400 euro al mese e successiva possibilità di riscatto dopo 30 anni. Proprio per la tipologia di famiglia a cui sono destinati tali appartamenti, i materiali utilizzati e le scelte architettoniche sono funzionali a soluzioni abitative di particolare qualità.

Al tempo stesso, come assicurato dal sindaco Massimo Bacci, si attiverà il confronto con i residenti della zona per intervenire in maniera efficace su tre questioni che possono essere ancora oggetto di piena condivisione: la garanzia di sufficienti spazi per la sosta, inserita in un’area che deve valorizzare anche passaggi pedonali ed area verde; il migliore utilizzo a fini pubblici del piano terra della nuova palazzina destinato dal costruttore proprio a servizi per il quartiere; l’individuazione di criteri per la graduatoria di assegnazione degli appartamenti che privilegino quelle famiglie che hanno una capacità reddituale tale da non poter aspirare alle case popolari.

Pur avendo ereditato questa situazione, che si trascina dal lontano 2002 e che ha trovato attuazione nel 2007, l’Amministrazione comunale assicurerà il suo impegno affinché alla fine di questo intervento – dai 2 anni e mezzo ai 3 anni – la zona possa davvero risultare riqualificata anche impegnando, per parcheggi ed aree verdi, le risorse derivanti dagli oneri di urbanizzazione.

Fa piacere infine registrare come l’incontro di ieri – pur con cittadini contrari all’intervento che questa Amministrazione non poteva in alcun modo evitare essendo stati già compiuti tutti gli atti di legge prima del suo insediamento – sia stato caratterizzato da un confronto civile e costruttivo nell’interesse del quartiere e dei suoi residenti. Merito anche dell’Erap che, quale soggetto pubblico, offre quelle garanzie e quella disponibilità che un privato probabilmente non avrebbe assicurato.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.