Banner Aprile IH Victoria

Violenza sulle donne nell’emergenza Covid-19, la criminologa Carlini: «Non sei sola»

 

 

Non sei sola. Non siete sole.

L’Italia si dimostra unita non solo nel contrastare il coronavirus, ma anche nella lotta contro la violenza sulle donne.
Per combattere il Covid 19, la soluzione assoluta è quella di restare a casa. Per le vittime di violenza domestica, la quarantena in casa potrebbe non essere sinonimo di salvezza. Il lungo periodo di isolamento forzato può significare il peggioramento dei maltrattamenti quotidiani. E la casa diventa una gabbia soffocante e pericolosa. In una situazione di pericolo costante, è difficile chiedere aiuto.
Ma le donne, le vittime di violenza devono sapere che non sono sole e che ci sono soluzioni che possono metterle in salvo, nonostante il presunto aguzzino sia nella stanza accanto.

Dalla Puglia, una campagna nazionale con protagonista Margherita Carlini, nota criminologa marchigiana, per aumentare la consapevolezza delle donne su quello che accade tra le mura domestica.

Nel video, la dottoressa Carlini pone una serie di quesiti che possono evitare una sottovalutazione del rischio. Inoltre, consiglia strumenti da utilizzare e comportamenti da assumere, atti a comprendere che, anche se siamo in quarantena, si può e si deve chiedere aiuto. Le donne non sono sole, e neanche i loro bambini.
I centri antiviolenza sono sempre operativi, seppur riorganizzati nel massimo rispetto delle disposizioni da coronavirus, via chat, telefono o videochiamate.
“Sono giorni difficili e siamo davvero molto preoccupate perché , dopo venti giorni, sono diminuite di molto le telefonate di aiuto da parte di donne”- ci confida Paola Moreschi di Casa delle Donne di Jesi, in costante contatto con l’Assessore comunale Maria Luisa Quaglieri . “Questo non è un dato confortante. Questo silenzio ci preoccupa. Sebbene siamo ben consapevoli che per una donna che sta a casa costantemente accanto ad un compagno violento, non è semplice contattarci, il nostro pensiero è sempre lì, in quelle abitazioni che oggi dovrebbero essere un rifugio dal contagio, ma che in realtà sono il luogo della violenza per eccellenza. Sappiamo anche però –  continua la responsabile di Casa delle Donne –  che le donne sono molto coraggiose e intelligenti, sanno come attuare strategie di sopravvivenza. Chiamare il nostro centro quando i loro compagni o loro stesse vanno per esempio a buttare la spazzatura o a fare la spesa, o magari quando portano fuori il cane.” Anche Casa delle Donne Jesi suggerisce alle donne alcuni dei comportamenti presenti nel video, come avere sempre a disposizione il proprio cellulare ben carico per ogni evenienza, disporre in un luogo sicuro i propri documenti di cui possono necessitare in caso di fuga, di chiudersi in una stanza qualora il loro compagno manifesti atti maltrattanti e chiedere aiuto, scappare in caso di pericolo. (contatti del centro jesino 3664818366, email casadelledonne.jesi.an@gmail.com o tramite la loro pagina Facebook).

Per fortuna, anche la tecnologia è a supporto della lotta contro la violenza domestica: l’App YouPol, nata per far denunciare ai più giovani episodi di bullismo e droga, e che da oggi potrà essere utilizzata anche per denunciare violenze domestiche; l’App 1522 antiviolenza e antistalking, per attivare le operatrici del sistema e mettere in campo interventi di emergenza a tutela delle donne in difficoltà. Da segnalare anche la campagna messa in atto da “Staffetta democratica” con il nome in codice #mascherina1522 , una richiesta di aiuto che sarà accolta dalle farmacie e da qualsiasi presidio sanitario, facendo scattare l’intervento delle forze dell’ordine.

Si può chiedere aiuto anche senza dover per forza telefonare: le organizzazioni a tutela delle donne fanno appello al senso civico dei vicini di casa: in caso di rumori strani, è importante chiamare la polizia. Le donne vittime di violenza non possono farlo.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.