Volo di otto metri dalla torre di Montefiore, grave uno jesino | Password Magazine

Volo di otto metri dalla torre di Montefiore, grave uno jesino

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Un sabato sera di divertimento che si è trasformato in tragedia.  È grave uno jesino di 35 anni, L.M., precipitato all’interno della torre di Montefiore a Recanati, dove si era introdotto intorno alle 3, insieme ad altri tre amici.

Il castello è attualmente chiuso al pubblico, circondato da impalcature e considerato inagibile al suo interno: forse per inseguire il brivido dell’avventura o per ammazzare il tempo, il gruppetto sabato notte aveva deciso di entrarvi, risalendo attraverso le impalcature che arrivano fino alla parte merlata. Attraversando il prato, si sono poi diretti verso la porticina della torre e forzandola sono entrati all’interno, incuranti della pericolosità e fragilità della struttura. Forse per un piede messo in fallo o per il cedimento del pavimento, il 35enne jesino è improvvisamente caduto facendo un volo di circa otto metri. 

Gli amici, spaventati, hanno subito dato l’allarme: sul posto il 118 con l’automedica partita dall’ospedale di Recanati e i vigili del fuoco. E’ stato trasportato in codice rosso per gravi lesioni al pronto soccorso di Torrette di Ancona.

Le indagini, sulla presenza della comitiva all’interno, sono condotte dai carabinieri di Macerata e Montefano: “Volevamo fare una goliardica passeggiata”, sarebbe stata la giustificazione fornita dagli amici del ferito ai militari. Ma il racconto fornito non sembrano aver del tutto convinto i carabinieri e le indagini proseguiranno per ulteriori accertamenti. Uno dei  protagonisti sarebbe già noto alle forze dell’ordine per spaccio di stupefacenti. All’interno della torre i carabinieri del NORM hanno rinvenuto inoltre bottiglie e bicchieri. Essendosi introdotti in un complesso interdetto, scatterà nei confronti dei quattro inevitabilmente una denuncia. Al Comune di Recanati spetterà accertare che la bravata non abbia procurato danni alla pubblica collettività.

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.