Volontarja prosegue con «10 in Condotta» | Password Magazine

Volontarja prosegue con «10 in Condotta»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Immagine di repertorio

JESI – Presentata la nuova iniziativa «10 in Condotta» di Volontarja 2021 in una conferenza stampa del sindaco Massimo Bacci, dei consiglieri Comunali Tommaso Cioncolini e Matteo Baleani e dei rappresentati del Coordinamento Associazioni Volontariato.

«10 in Condotta»  è un percorso formativo dedicato a 12 classi terze e quarte di scuole superiori jesine, che permette di avvicinare i ragazzi al mondo del volontariato e che prevede incontri per un totale di 20 ore. Gli incontri saranno tenuti da tre esperti, Michele Cardinali, Massimiliano Colombi e Susy Zanardo e vedranno coinvolti gli istituti IIS Marconi Pieralisi, IIS Galilei, Liceo Scientifico Leonardo da Vinci e Liceo Classico Vittorio Emanuele II. Come ha precisato Bruno Dottori, presidente Avis e membro del Coordinamento Associazioni Volontarja, il primo incontro avverrà domani 9 aprile, con Susy Zanardo.

7C69D82C-09B1-472B-B725-3A734CC1C840

Tema e fine principale di questo percorso è la collaborazione tra il mondo della scuola e il mondo del volontariato. Per Matteo Baleani, consigliere comunale con delega al mondo del volontariato: «In Volontarja le associazioni non sono più una di fianco all’altra, ma si sono rese complici con il mondo della scuola in un progetto guidato da formatori di fama nazionale – ha precisato -. Il coinvolgimento attivo può essere anche una risposta forte all’emergenza psicologica che diversi alunni stanno vivendo, legata al momento attuale della pandemia. Considero «10 in Condotta» un punto d’incontro e chiusura di un cerchio, ma non una conclusione, perché stiamo parlando di un processo, che come tale continuerà». «10 in Condotta» è quindi un percorso in divenire, che coinvolgerà sempre più classi e che non si fermerà al 2021. Lo ha ribadito anche Tommaso Cioncolini, consigliere comunale con delega ai rapporti con le scuole: «Un tema che abbiamo spesso utilizzato è quello di rendere Volontarja sempre più un processo e non un progetto: il progetto cristallizza gli spazi, mentre il processo scommette sul tempo e libera nuovi dinamismi. I numeri di classi coinvolte sono in divenire e questo ci fa sperare in un’orizzonte interessante, anche per il cambio di passo che sta assumendo Volontarja, che insiste sullo spessore qualitativo, sulla proposta culturale molto alta, ma soprattutto sulla collaborazione con le scuole».

«La collaborazione tra scuola e volontariato è stato ed è il fine ultimo dell’iniziativa, che non è cambiato nonostante la modifica delle impostazioni del progetto negli ultimi mesi» ha ricordato Carlo Bellocchi, Coordinatore del Coordinamento Associazioni che ha sottolineato l’importanza del processo di formazione: «Non solo noi con questo percorso diamo formazione ai ragazzi, ma le stesse associazioni hanno dovuto porsi in un’ottica diversa di proposta e di accoglienza, formandosi loro stesse». La formazione delle stesse associazioni di volontariato viene ribadita come importante da un altro membro del Coordinamento Associazioni Volontarja, Silvano Sbarbati, secondo cui «il volontariato è una risorsa anche nel momento in cui la pandemia pone problemi formativi e di tenuta psicologica delle relazioni sociali, problemi che ha dovuto affrontare anche la scuola». Francesca Petraccini, docente di scienze sociali all’IIS Galileo Galilei, ha posto poi l’attenzione sugli studenti, che hanno sofferto maggiormente il distanziamento sociale; a tal proposito «10 in Condotta» rappresenta un progetto significativo per i ragazzi: «Le associazioni di volontariato e il Comune stesso sono entrati attraverso la didattica a distanza in questo circolo virtuoso, abbiamo accolto questo progetto come una boccata d’aria».

Parte del comitato di Volontaria sono stati fin dall’inizio la Fondazione Pergolesi Spontini e l’ASP Ambito 9. Per l’amministrato delegato della Fondazione, dott.ssa Lucia Chiatti: «Essere sensibilizzati e scoprire il valore del volontariato sono tematiche molto affini alle nostre e ci sentiamo ancora più vicini al nostro percorso». Il presidente dell’ASP Ambito 9, Avv. Matteo Marasca ha sottolineato come l’ASP continuerà a dare il suo contributo alle attività dell’Amministrazione e del Coordinamento, poiché «il problema delle associazioni di volontariato è il ricambio generazionale, entrare nelle scuole sarà una risposta a questa problematica».

In ultimo i ringraziamenti del Sindaco Massimo Bacci che ha precisato come nonostante le difficoltà dettate dalla pandemia, il progetto sia andato avanti secondo i principi ipotizzati, cioè quelli di formazione di chi opera nel volontariato e di coinvolgimento dei più giovani.

 

a cura di Chiara Petrucci

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.