Al mare ai tempi del covid, in spiaggia con l'autocertificazione e controlli | | Password Magazine

Al mare ai tempi del covid, in spiaggia con l’autocertificazione e controlli

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

REGIONE – Andare al mare ai tempi del covid? Sì, è possibile se si rispettano le regole anticontagio. La Giunta regionale ha approvato questa mattina una serie di protocolli per regolamentare le riaperture di spiagge e stabilimenti balneari in vista dell’estate.

«Tutto è ruotato – ha detto l’assessore Moreno Pieroni – attorno alla scelta fondamentale di riaprire la stagione estiva dal 29 maggio e abbiamo cadenzato le priorità (dai controlli per la balneazione da parte dell’ARPAM, agli accordi con le Capitanerie e con i Comuni) per garantire una riapertura in sicurezza».

Fondamentale per tutte le strutture una sanificazione frequente delle attrezzature e dei servizi igienici, accessi in strutture che tengano conto del distanziamento sociale e così anche per piscine e posti ombrellone (10,5 metri quadrati per ognuno), la possibilità di utilizzare con ombrelloni le aree precedentemente destinate ad attività ludico ricreative. «Sul tema spiagge libere – aggiunge Pieroni – abbiamo deciso che debbano rimanere tali consentendo una deroga (di competenza dei Comuni, così come il controllo delle persone che vi stazionano) per minime fasce di litorale (25-30 m) tra stabilimenti limitrofi. Siamo convinti che i marchigiani e i turisti debbano poter fruire delle spiagge libere e siamo contrari anche al pagamento di quote per accedervi».

Accesso allo stabilimento

Sarà regolamentato l’accesso in modo da prevenire assembramenti. Il cliente dello stabilimento sarà informato di poter scaricare e utilizzare la “APP Immuni” usufruendo del servizio di Wifi gratuito Regionale

Distanza tra gli ombrelloni

L’area complessivamente destinata ad ogni ombrellone non può comunque essere inferiore a 10,50 mq. Sarà consentita la possibilità di posizionare gli ombrelloni con distanza minima di 4,60 metri nella stessa fila e 3 metri tra le file per consentire eventualmente in caso di superamento delle condizioni critiche epidemiologiche e successivamente ad eventuale specifico provvedimento, l’inserimento di ulteriori ombrelloni a distanza di m 2.30 nella stessa fila. Tra le dotazioni (sedie-lettini) di un ombrellone e quelle dell’ombrellone contiguo devono sempre essere rispettati almeno 1,50 metri.

Sotto gli ombrelloni, o altri sistemi di ombreggio, è fatto obbligo di osservare una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro. L’obbligo è derogato per i soli membri del medesimo nucleo familiare ovvero conviventi (potrà essere richiesta un’autocertificazione).

Distanziamento dei lettini in spiaggia

I lettini posizionati singolarmente sulla spiaggia devono essere collocati orizzontalmente a distanza di almeno 2 metri l’uno dall’altro.

Attività ludico-sportive

Le attività ludico sportive potranno essere svolte solo se consentite dalle normative in vigore e comunque assicurando sempre il prescritto distanziamento sociale. Il titolare dello stabilimento valuterà le modalità corrette per consentire le attività ovvero il divieto delle medesime.  Le aree gioco bambini potranno essere allestite e utilizzate solo assicurando la vigilanza al rispetto delle norme di distanziamento in vigore. L’utilizzo delle piscine eventualmente presenti all’interno degli stabilimenti può essere consentito solo in funzione di una limitazione di accessi, di ricambio frequente dell’acqua

Per le piscine interne agli stabilimenti è consentito l’ingresso massimo a 4 persone ogni 10 mq. All’interno della piscina va comunque rispettato il distanziamento.

Aree comuni vanno organizzate in modo da rispettare sempre il distanziamento interpersonale

Possibilità di derogare temporaneamente da parte dei Comuni al piano spiagge consentendo in via provvisoria l’utilizzo delle aree destinate alle attività ludico-sportive con zone ombreggianti, tavoli, ombrelloni rispettando le distanze sopra indicate) mediante comunicazione al Comune.

Pulizia e sanificazione

Dovranno essere garantiti: pulizia giornaliera delle aree comuni, sanificazione delle attrezzature (ombrelloni, lettini, sdraie etc.) ad ogni cambio di cliente,  obbligo di utilizzare le attrezzature con proprio telo da mare, di dotare i servizi igienici di dispenser con igienizzante all’ingresso, di pulizia regolare e frequente dei servizi igienici in base ai flussi. L’utilizzo delle docce è preferibile all’aperto (è consigliata la limitazione delle cabine-doccia singole).

Utilizzo di fasce di spiagge libere

I Comuni possono valutare di assegnare in concessione temporanea le fasce di spiaggia libera di lunghezza massima pari a 25 metri lineari contenute tra due spiagge in concessione ovvero fasce di spiaggia libera confinanti con una singola concessione balneare per un massimo di 12 metri al fine di attrezzarle garantendone il corretto utilizzo in coerenza con le presenti linee guida

Servizi bar e ristorazione

Il servizio di bar e ristorante segue le linee guida prescritte per la categoria. Potrà essere organizzato un servizio di prenotazione bar o ristorante mediante dispositivi informatici e consegna diretta all’ombrellone.

Spiagge libere

I Comuni dovranno garantire l’adozione di misure di mitigazione del rischio analoghe a quelle previste per gli operatori/gestori degli stabilimenti, incluse, in particolare, la regolamentazione degli accessi per evitare assembramenti e garantire il distanziamento sociale; l’informativa e il rispetto delle misure di mitigazione di rischio da parte dei bagnanti; le procedure di pulizia e sanificazione delle eventuali attrezzature promiscue presenti, come i servizi igienici; il controllo del rispetto delle misure da parte dei fruitori delle spiagge.

Dovrà essere assicurato il distanziamento fisico in ogni circostanza e la posa di ombrelloni, lettini, sdraie, teli da mare e così via da parte di privati cittadini dovrà rispettare la distanza minima di metri 3,50 da palo a palo per gli ombrelloni e di 2 metri tra i lettini, sdraie, teli da mare etc..

Il distanziamento fisico può essere derogato per le persone facenti parte del medesimo nucleo familiare o conviventi fornendo apposita documentazione se richiesta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.