Andreea scomparsa, ricerche anche su telefoni e web | Password Magazine

Festival Pergolesi

Andreea scomparsa, ricerche anche su telefoni e web

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MONTECAROTTO -Proseguono incessanti le ricerche di Andreea, la 27enne di origine rumene scomparsa da più di un mese. L’ultimo avvistamento la mattina del 12 marzo quando, lasciato il casolare di campagna di Montecarotto dopo una serata di festa, si era incamminata da sola e a piedi lungo la strada provinciale montecarottese dopo un litigio con il fidanzato. Questo è il racconto fornito dal compagno Simone – al momento l’unico indagato dalla Procura per il reato ipotizzato di sequestro di persona – e dalle altre due persone presenti alla festa e interrogati gli scorsi giorni dai carabinieri.

andreea
Andreea, la ragazza di 27 anni scomparsa il 12 marzo scorso

Dopo le ricerche effettuate dagli inquirenti nel casolare di campagna, sottoposto a sequestro insieme alla roulotte e all’intera area circostante, le ricerche proseguono anche via web.

Sono almeno quattro gli smartphone, tra cui quello di Andreea, analizzati dall’analista forense Luca Russo, l’esperto incaricato per accertamenti ripetibili e non ripetibili dal pm Irene Bilotta nell’inchiesta per il reato di sequestro di persona che vede indagato il fidanzato Simone. Era stato lui a restituire alla madre di Andreea il telefonino della ragazza, riferendo che lei glielo aveva messo in tasca prima di allontanarsi. Una ricostruzione che non coincide però con quella fornita dagli altri presenti, che hanno riferito sarebbe stato lui a sequestrare il dispositivo dopo il litigio.

Simone, 43anni, di Maiolati, nega qualsiasi suo coinvolgimento nella scomparsa della ragazza. Per lui la 27enne potrebbe essere viva, riferendo di essere abituato a situazioni di allontanamento improvviso da parte della stessa. Arriva anche ad ipotizzare l’utilizzo da parte di Andreea di alcuni profili social.

La difesa del fidanzato Simone, rappresentata dall’avv. Emanuele Giuliani e supportata dalla consulenza di Servizi Investigativi srl di Andrea Ariola, sta svolgendo ricerche e non solo difensive mettendo in campo mezzi tecnologici come droni, per evidenziare le aree circostanti e rilevare situazioni di interesse, ma anche metodi non convenzionali come una medium. «Il nostro lavoro e impegno è a 360 gradi» ha ribadito la difesa oggi ai giornalisti davanti ai cancelli del casolare durante un sopralluogo.

Proseguono anche le complesse attività scientifiche d’indagine (anche su indumenti e auto) che vedono impegnati i carabinieri della Compagnia di Jesi e del Nucleo investigativo di Ancona, con tutte le risorse disponibili. Rientra in queste azioni anche il lavoro dell’analista Russo, con un team di specialisti, mirato a ricostruire i movimenti fisici e ‘virtuali’ della giovane: dai primi accertamenti, però, non sarebbe emersa finora alcuna azione sui social ricollegabile ad Andreea dopo la sua scomparsa. Lo riporta Ansa.

Le ricerche della ragazza proseguono anche con cani molecolari. Setacciati i laghetti circostanti, pozzi e gli edifici abbandonati della zona. Di Andreea però nessuna traccia.

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.