Matt Cancelleria
Vai al Sito

Caso Pinti, il presidente Anlaids Marche Butini: «Il virus HIV esiste»

ANCONA –  «L’HIV non esiste, è una balla: sono i farmaci che ti ammazzano». Non credeva alla malattia Claudio Pinti, il 35enne di Montecarotto malato di HIV  arrestato ieri con l’accusa di lesioni dolose gravissime ai danni della compagna.

Consapevole dell’infezione che aveva contratto circa 11 anni fa, Pinti aveva continuato ad avere rapporti sessuali con oltre 200 partner, senza prendere precauzioni.  Cinico, rifiutava di considerarsi malato affermando di ritenersi un negazionista dell’esistenza di tale malattia.

Ad incastrarlo la fidanzata che, dopo primi sospetti legati a propri malesseri fisici e ad alcune dicerie sullo stato di salute del compagno, aveva effettuato il test e scoperto di aver contratto la malattia. Si era rivolta alla Polizia, per denunciarlo.

«Innanzitutto va sottolineato il coraggio di questa donna, che ha deciso di uscire allo scoperto e di rivolgersi alle autorità – è il commento del dott. Luca Butini, presidente Anlaids Marche – Pinti si definisce un negazionista: va specificato che non ci sono dubbi del punto di vista scientifico su dove sia la verità. Se poi un paziente con una malattia trasmissibile decide di non accettare la diagnosi e la trasforma in negazione, può seriamente mettere a rischio la salute delle altre persone, come è accaduto in questo caso».

Nelle Marche, il dato di diffusione del virus è in linea con il panorama nazionale: «Nel 2016 la nostra regione è risultata al terzo posto come incidenza per le nuove diagnosi, con un alto tasso di segnalazione di nuovi casi di infezione da HIV ed in molti casi avvenuta con malattia in fase avanzata – commenta Butini – il che significa che quella persona per molto tempo è stata inconsapevolmente in grado di trasmettere il virus”.

Oggi, i malati di HIV che ricevono la diagnosi vengono inviati al Centro clinico di Monitoraggio: «Rispetto al passato, la medicina ha fatto molti passi in avanti. Al malato vengono somministrati dei farmaci che non solo bloccano il progredire della malattia ma che consentono anche il recupero delle proprie competenze immunologiche». La terapia è in grado praticamente di congelare il virus mentre il rischio contagio è quasi azzerato dai farmaci.

Per proteggersi dalle infezioni occorre prevenire attraverso l’utilizzo del profilattico durante i rapporti. E fare il test per verificare il proprio stato di salute: «Sottoporsi al test dell’HIV dovrebbe diventare una pratica normale, da effettuare come quando ci si sottopone alla misurazione della pressione – spiega il presidente Anlaids Marche  – Come associazione, stiamo puntando ad iniziative che favoriscono l’accesso e l’esecuzione del test, che si fa attraverso il prelievo di sangue, nel modo tradizionale, o anche con una tecnica innovativa e veloce del tampone salivare, con risultati in 30 minuti. Nel territorio, abbiamo già sperimentato forme di accessibilità, anche proponendo il test fuori dal contesto ospedaliero».

Se i più giovani sono i più sensibili all’informazione ma il grande ostacolo all’effettuazione degli esami di controllo resta il pregiudizio : «C’è ancora la paura di avvicinarsi al test – spiega Butini –  Alcuni non vi si sottopongono per timore delle  conseguenze sociali. Ci sono poi aspetti come la scarsa informazione sull’HIV e la ghettizzazione che ha accompagnato la malattia nei primi anni della sua scoperta. Se dal punto di vista della medicina sono stati fatti passi da gigante in avanti, c’è ancora molto da fare sul piano sociale». Come per esempio contro la stigmatizzazione del sieropositivo che pesa quasi quanto la diagnosi: «Comprendere la dimensione emotiva, fare emergere le riflessioni nascoste, è un lavoro che dobbiamo fare tutti».

 

1 Commento su Caso Pinti, il presidente Anlaids Marche Butini: «Il virus HIV esiste»

  1. ce di fare campagna informativa nelle scuole , come prevenzioni, la consapevolezza deve essere un punto di allarme fra i giovane e meno giovane un slogan ” il HIV
    non ha faccia”

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*