Ciao capitano…", l'ultimo applauso a Michele Scarponi | Password Magazine
Festival Pergolesi

“Ciao capitano…”, l’ultimo applauso a Michele Scarponi

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

FILOTTRANO – Un lungo applauso ha accolto il feretro con le spoglie di Michele Scarponi al suo ingresso al campo sportivo di “San Giobbe”, portato in spalla dagli amici dell’Astana.
Un applauso che lo ha accompagnato sino all’altare dove è stato deposto sul lungo tappeto azzurro.
Il breve tragitto dalla camera ardente allestita al “Palagalizia” e poi la tanta gente che attendeva – difficile quantificare, probabilmente 6-7 mila persone – che lo ha accolto tra le sue braccia insieme ai familiari.
La moglie Anna era arrivata poco dopo le 15, insieme ai due gemellini tenuti per mano.
“Voglio vedere babbo, dov’è…” e sono entrati nelle camera ardente.

Ad attendere sull’altare l’arcivescovo di Ancona-Osimo, cardinale Edoardo Menichelli, mentre le note del canto Su ali d’Aquila, scandivano i minuti prima dell’inizio della cerimonia religiosa.
“E ti rialzerà, ti solleverà, su ali d’aquila ti reggerà, sulla brezza dell’alba ti farà brillar, come il sole, così nelle sue mani vivrai…”.
Sul feretro la foto del campione, la sua maglia e mille fiori.
Tanto sole che poche nuvole non hanno quasi mai nascosto – qualcuno si è sentito male, subito soccorso, ma nulla di grave – il verde del prato, l’azzurro del cielo, la natura e i colori che sono divenuti chiesa dove porgere l’ultimo saluto, commosso, al grande campione e al grande uomo.
“Il mistero della morte merita un’adorazione silenziosa – ha detto nell’omelia il cardinale Menichelli – e ho chiesto al buon Dio di aiutarmi a dire qualcosa di utile. Faccio fatica. Siamo di fronte a un evento che ha sconvolto la vita di tutti”.

Il cardinale – che subito dopo la messa è partito per Roma – rivolgendo anche un pensiero “all’altra famiglia” ha tenuto, comunque, a sottolineare come “abbiamo il diritto di lamentarci e di piangere perché la morte è una grande nemica, ci offende, non ci chiede permesso. E’ il grande schiaffo che sopportiamo con più violenza. Ma ci appartiene, fa parte della nostra storia, della nostra fragilità e pochezza”.

Ma c’è la speranza che deve sostenerci perché “la morte non è l’ultima parola della storia dell’uomo, il sepolto cammina, c’è l’immortalità dell’anima e c’è il desiderio di ritrovarsi. Non è la carne che ci unisce, ma lo spirito che noi portiamo”.
E, poi, la memoria, perché “ora c’è l’obbligo di ricordare questo fratello, figlio, amico, padre, atleta, uomo. Ne dobbiamo custodire lo sguardo, il sorriso, l’intimità, i giorni insieme. Lui figlio di una cittadina semplice e laboriosa, deve rimanere un patrimonio per tutte le qualità umane delle quali ognuno di voi ha avuto esperienza e che appartengono a Filottrano”.

“Lo spirito di Dio accolga Michele nella sua casa e gli doni la misericordia della quale ha bisogno, come tutti noi”.
Le note de Il Cristo delle Marche, del violinista-compositore Marco Santini, poi, sono state un momento di grande intensità prima della benedizione finale, le commemorazioni funebri- che si possono leggere in un altro articolo – e il lancio dei palloncini.
“Ciao capitano…”, lo ha salutato commosso, alla fine, Davide Cassani.

A cura di Pino Nardella/ Fotoservizio di: Cristina Corsini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.