Festa del Libro per Ragazzi, prossimi appuntamenti

JESI – Continuano gli appuntamenti alla Festa del Libro per Ragazzi. Oggi (Giovedì 14) arriva Monica Martinelli, cofondatrice della casa editrice marchigiana di Cagli Settenove, per parlare di “Leggere senza stereotipi. Storia e storie di una casa editrice”. Venerdì 15, alle 17.30, Francesca Ciampichetti, responsabile della sezione Ragazzi della Biblioteca Comunale di Jesi dal 1981, ci trasporta nel mondo delle parole e dei suoni con “Ma…ai bambini piacciono le poesie?”. Sabato 16, alle 15, incontro sul progetto LibriManifesti. Domenica 17 Gek Tessaro, vincitore per ben due volte del prestigioso Premio Andersen e autore di innumerevoli capolavori dedicati ai più piccoli, presenta lo spettacolo teatrale “Il circo delle nuvole” (ore 17).

Torna a Jesi la “Festa del Libro per Ragazzi”. Iniziata lo scorso 9 aprile, e prosegue fino al 17 aprile, ospita nove incontri, con autori ed esperti del settore, due mostre, laboratori e letture per i più piccoli. L’edizione 2016, inoltre, porta in giro per la città, i pensieri dei bambini con una selezione dei manifesti prodotti da 379 alunni delle Scuole Primarie nel corso del progetto “LibriManifesti”. Affissi negli spazi pubblici delle vie cittadine diventano così una mostra a cielo aperto che consente di conoscere le emozioni, i desideri e i sogni delle nuove generazioni. Sono 55 i manifesti (70×100) che danno vita alla mostra nata dalla collaborazione tra La strada di Achille e CH RO MO, acronimo di CHris ROcchegiani e ROberto MOntani, artisti che hanno portato avanti l’attività insieme a Mina Montelli e Sabrina Vesprini.Ad allestire la mostra il gruppo artistico Boote, formato da Giorgia Gagliardini e Silvia Barchiesi. Il progetto ha coinvolto tre istituti comprensivi (Lorenzo Lotto, San Francesco e Carlo Urbani), coinvolgendo 379 alunni delle classi seconde, quarte e quinte delle relative scuole primarie. Obiettivo di “LibriManifesti” è stato quello di stimolare la curiosità verso la lettura e i libri, per accogliere la loro naturale ricchezza espressiva. Tra i 55 manifesti, 18 sono affissi anche negli spazi pubblici del contesto cittadino a disposizione del progetto. «I libri – dicono Rocchegiani e Montani – contengono le storie, le narrazioni e aprono finestre verso il mondo esterno e quello interno di ogni persona. I manifesti restituiscono le emozioni, la creatività, i pensieri dei bambini e arricchiscono il mondo degli adulti. Attraverso i manifesti, veri e propri elaborati grafici nelle dimensioni 70×100 centimetri, i messaggi dei bambini arrivano alla città».

Settenove nasce a settembre 2013 ed è il primo progetto editoriale in Italia interamente dedicato alla prevenzione della discriminazione e della violenza di genereSettenoveaffronta questi temi con punti di vista differenti e attraverso tutti i generi letterari, ponendo un’attenzione particolare alla narrativa per l’infanziaSettenove propone una selezione di alcuni dei principali titoli della letteratura infantile europea e sostiene progetti italiani diretti alla prevenzione e alla rottura degli stereotipi di genere.

A ideare la Festa, l’associazione culturale La strada di Achille con il Comune di Jesi-Jesi Cultura, laBiblioteca Comunale Planettiana – Sezione Ragazzi, la Fondazione Pergolesi Spontini, l’Associazione Teatro Giovani Teatro Pirata (Atgtp), il collettivo artistico CH RO MO, il gruppo artisticoBoote e il centro di aggregazione per bambini, bambine e adolescenti Lo spazio incantato dellacooperativa sociale Koine. A sostenere l’iniziativa: Box Marche, Banca Mediolanum ufficio dei promotori finanziari di MacerataEurojuris Italia Studio Legale Associato Pentericci, Podere Santa Lucia, Clabo, Azimut Private Bunker (dottor Alberto Giacani), Mitama-Incall, Igienstudio, Baldi Food, Generali (agenzia Jesi Claudio Ospici e Valeva Pesce), Il Centro Fb, Mezzometro pizzeria, Mattoli Marmi, Emmecidue, Muratori e Manutentori srl, F.lli Cupido Impresa Edile. Inoltre, la “Festa del Libro per Ragazzi” vive grazie all’aiuto di molti volontari e all’impegno di persone che prestano la loro professionalità nel prendersi cura dei bambini, dei ragazzi e del territorio in cui viviamo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*