Festival di Sanremo 2013: il ripetersi della solita ricetta | Password Magazine
Festival Pergolesi

Festival di Sanremo 2013: il ripetersi della solita ricetta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Nella foto, Marco Mengoni. Foto: ANSA

Puntualmente come ogni anno, tra critiche e apprezzamenti, si è concluso il 63° Festival di Sanremo.

Vince senza sorprese il rampollo della Sony, Marco Mengoni,  secondi gli indipendenti Elio e le storie tese e terzi i Modà.

Questo è stato il festival dello share pubblicizzato, fatto cavallo di battaglia per una conduzione, quella del comprovato duo Fazio-Littizzetto, a detta di molti la vera causa di successo. Alti ascolti, ma non troppo, visto che in realtà il festival ha avuto il 47,49% medio di share, solo lo 0,20% in più dello scorso anno, e lo 0,30% in meno di due anni fa.

Allora qual è il motivo di tanta sorpresa manifesta? Alcuni pensano che questo festival “doveva” andare bene, un po’ per risollevare gli ascolti della RAI, un po’ per accontentare gli inserzionisti pubblicitari.

Questo è stato infatti il festival delle pubblicità. Dopo ogni canzone, dopo ogni monologo, dietro ogni stacchetto sono inseriti tre minuti di pubblicità, pari alla durata di ogni singolo pezzo. In fondo con la ristrutturazione dell’Ariston, l’ammodernamento della scenografia, sgravata dai pesi melanconici della scalinata centrali e dai barocchi contorni floreali, il festival è sembrato più vicino ai giovani e fatto per i giovani. In effetti, i vestiti erano fatti da giovani stilisti, la regia affidata a un sapiente Duccio Forzano, un direttore che sa cosa vuol dire sfruttare il pieno dell’immagine e del movimento.

Ma le musiche, le performance e i testi hanno fatto la differenza? Analizziamo il podio: terzi classificati i Modà, sostenuti dall’etichetta Ultrasuoni. Strano vedere come un gruppo nato agli inizi del duemila sia divenuto un habitué del festival della canzone italiana senza vincerne nemmeno uno, già vinti negli ultimi cinque anni da cantanti provenienti da Talent Show (X-Factor e simili, c’entrano qualcosa?). Elio e le storie tese, secondi classificati con “La canzone mononota”. Buona idea mal intesa dai più, che hanno voluto concentrarsi sul testo quando il pezzo risultava chiaramente strumentale. Primo classificato Marco Mengoni con “L’essenziale”. Nei testi della prima e terza classificata abbiamo la ripetizione di: otto volte la parola “amore”, cinque volte “sole”, quattro volte “bellezza”, tre “desideri”, tre “dolcezza”, e tante metafore per spiegare l’amore e tutte le altre parole elencate.

Stranamente non compare la parola “cuore”.

Ecco il senso di questa cernita di parole: è come una semplice ricetta, basta farsi comporre una buona base musicale, conoscere qualche etichetta abbastanza forte, farsi un look alla moda che possa attrarre adolescenti (cioè quelli che fanno televoto) e mettere parole a caso, sempre quelle, anni dopo anni. Niente di nuovo sotto al sole. Niente di nuovo nel panorama della musica italiana. Intanto Marco Mengoni ci rappresenterà all’Eurovision Song Contest 2013. Certo non stiamo parlando dei Grammy Awards, anche perché solitamente i partecipanti dopo averlo vinto spariscono dal mondo musicale. Almeno sarebbe una buona pubblicità europea per l’artista vincente, ma con queste premesse non c’è da sorprendersi se l’Italia non vince dal 1990, con Toto Cutugno.

Giuseppe De Lauri

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.