San Settimio, tornano le Fiere tra bancherelle e…seggi elettorali - Password Magazine

Festival Pergolesi

San Settimio, tornano le Fiere tra bancherelle e…seggi elettorali

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – La fiera di San Settimio riapre i battenti. Restaurata la formula pre-pandemia non mancano però accorgimenti e modifiche, anche per la concomitanza con il voto delle elezioni politiche del 25 settembre. Rispetto al 2019 il settore alimentare è stato spostato nelle piazze Indipendenza e Spontini. L’area dei prodotti tipici non ospita più il tendonato, ma solo stand all’aperto, al fine di evitare assembramenti. In piazza della Repubblica inoltre, per la presenza della fontana, ci sarà un numero molto più esiguo di espositori. «La giunta comunale ha predisposto piazza Colocci come area per posteggi senza mezzi – precisa Matilde Sargenti dell’Area servizi tecnici – i commercianti possono accedere solo per scaricare, mentre lungo il corso non ci saranno venditori di cibo». 

Si riprende il programma come da tradizione: giovedì 22 avrà luogo in Piazza della Repubblica la tradizionale tombola, sin dal 1996 a cura dall’Avis, affiancata dalla sezione locale dell’Aido. Nella pre-fiera verranno già allestiti, dalle ore 20,30 di giovedì, i primi banchi di giochi, palloncini e libri per il Corso Matteotti e nelle piazze Spontini e Ghislieri.

La superficie interessata nei tre giorni è pari a 28500 metri quadri a cui vanno aggiunti i 2100 degli spazi espositivi di Porta Valle. Si conferma l’alternanza di collocazione dei posteggi delle bancarelle, ma in posizione più centrale rispetto agli scorsi anni, al fine di occludere meno i negozi del centro. Cinquecentonove i posteggi dei commercianti gestiti dal Comune, ai quali se ne aggiungono altri affidati a ditta esterna. In totale 584 tra artigiani (in numero di 25), imprenditori agricoli (10), commercianti, fiera campionaria e associazioni di volontariato, le quali tornano quest’anno dopo lo stop pandemico. Cinquantotto sono solo le bancarelle dell’area pavimentata di Corso Matteotti.

«Il 25 settembre ci saranno i seggi elettorali, concomitanza che ha comportato un’organizzazione ancora più complessa per la gestione delle bancarelle – spiega l’assessora al commercio Emanuela Marguccio – Con l’occasione invito tutti i cittadini ad andare a votare”. All’interno della fiera ci sono infatti tre sedi destinate al seggio: la scuola “Borsellino” in Corso Matteotti, la Primaria “Mestica” in via Posterma e la “Federico II” a Piazzale San Savino.

«Al Federico II è stata fatta una modifica per arrivare direttamente alla scuola restando fuori dal perimetro della fiera, per consentire anche alle persone con disabilità di esercitare il proprio diritto al voto” ha precisato il vicecomandante della Polizia locale Filippo Peroni. «Inoltre sono state individuate delle aree di ricambio veloce, ovvero zone a disco orario di 60 minuti, sia in via Mura Occidentali (di fronte all’ufficio anagrafe), sia presso la chiesa di San Giuseppe (nel parcheggio davanti alla Bper banca)». Prosegue sul tema della sicurezza pubblica: «Polizia e carabinieri metteranno in campo le forze che reputeranno opportune in base all’ordinanza appena emanata».

«Accanto al piano sicurezza è stato anche trasmesso un piano sanitario –  annota il commissario Maria Gabriella Gabbianelli – La vigilanza notturna verrà affidata alla ditta Mondialpol s.p.a. di Jesi, al fine di evitare furti e imbrattamento del suolo pubblico. La nostra presenza è finalizzata a fronteggiare coloro che non sono in regola, cosa che già negli anni scorsi ha dato ottimi risultati. Si ricorda che l’acquisto di merce contraffatta è sanzionato da 100 a 7mila euro».

Una fiera non priva di polemiche già divampate negli scorsi giorni. La giunta Fiordelmondo ha infatti introdotto i copri ruote e l’uso di cartoni sotto i motori per impedire il rilascio di olio. «Gli ambulanti che vorranno accedere al corso potranno scegliere se mettere copri ruote o se portare a mano le merci, lasciando il mezzo in parcheggi ad hoc (già in 30 hanno confermato questa seconda opzione) – ha precisato l’assessora Marguccio – La terza scelta è poi il posteggio in piazza Colocci. È stata chiesta una cauzione di 200 euro per cartoni e copri ruote, proposta avanzata dagli stessi ambulanti». 

Viene rinnovato l’invito ai residenti a lasciare l’automobile fuori dal centro, eccettuate situazioni di emergenza. Sono disponibili i posteggi di viale della Vittoria o del parcheggio Mercantini. È sconsigliato inoltre recarsi alla fiera in caso di maltempo. Le ore di maggior afflusso sono quelle tra le 17 e le 22.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.