Filande e "sedarole", a San Giuseppe una serata dedicata alla Jesi di una volta | | Password Magazine

Filande e “sedarole”, a San Giuseppe una serata dedicata alla Jesi di una volta

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Le filande di Jesi rivivono attraverso i canti, le immagini e i racconti di un passato che è parte della memoria storica della città.

Vie come Setificio, Cascamificio e della Filatura ne portano ancora testimonianza nel nome e negli edifici un tempo adibiti alla lavorazione dei bachi da seta. Agli inizi del ‘900, erano 12 gli stabilimenti di produzione capaci di impiegare circa 1000 operaie, le cosidette “sedarole”.

Di loro si è parlato ieri sera, in via San Giuseppe, davanti il murale “Jesi Laboriosa”: un appuntamento con la storia e le tradizioni organizzato dalla Fondazione Federico II in collaborazione con il Comune di Jesi, Italia Nostra, Fidapa, Istituto Comprensivo “Federico II” e il gruppo di canto popolare “La Macina”.

Dopo i saluti dell’assessore alla Cultura Luca Butini, di Simona Cardinali e Romina Quarchioni dei Musei civici del Comune di Jesi, Franca Tacconi della Fondazione Federico II ha accompagnato il numeroso pubblico presente attraverso un viaggio nella memoria, fatto di musica e di immagini.
Prima l’esibizione del gruppo di canto popolare “La Macina”, con Gastone Pietrucci e Marco Gigli, poi gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Federico II”, accompagnati dal dirigente Massimo Fabrizi e alcuni docenti, hanno raccontato il progetto scolastico che li ha coinvolti nel recupero di una realtà storica attraverso un lavoro interdisciplinare che comprendeva lo studio del baco da seta, raccolta e analisi di racconti, canti, testimonianze sulle condizioni di lavoro delle operaie nelle filande.
 
 Antonella Ricci e Letizia Saturni di Fidapa Jesi hanno poi raccontato il progetto che, nel 2011, ha portato alla pubblicazione del libro “Trame di seta”, dalla filanda la voce delle donne.
La serata si è conclusa con la proiezione del videodocumentario di Geniale Olivieri  dedicato alle sedarole, con il commento di Giuseppe Luconi. “La Jesi di ieri, la Jesi di una volta. Una città che ha ancora il profumo della campagna, che offre di sè un’immagine quieta e discreta di una grossa borgata di fine ottocento: le antiche mura impigrite dai secoli, le bianche strade di periferia come quella che segue il passo affrettato delle giovani sedarole…” 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.