Gestore unico rifiuti, Jesi contro. Bacci: “Controllo analogo nella partecipata o resteremo autonomi”

JESI – I sindaci dell’Ata 2 hanno deciso: via libera a maggioranza al gestore unico provinciale del servizio di raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti, individuato in un consorzio composto da Multiservizi e Ecofon. Così ha deciso ieri pomeriggio l’assemblea dei Comuni dell’Ata 2, riunita alla Zipa di Jesi con 30 sì su 45, pari al 68,83% degli aventi diritto al voto. Erano 38 i Comuni presenti: mancavano all’appello Camerata Picena, Cerreto d’Esi, Chiaravalle, Monte San Vito, Morro d’Alba, Ostra Vetere, Poggio San Marcello e Serra San Quirico.

Frena Jesi che ribadisce il no insieme a Fabriano, Falconara, Belvedere Ostrense, Monsano.

Castelbellino, Mergo, Rosora si sono astenuti.

Il sindaco Massimo Bacci, oggi in Consiglio comunale, ha reso noto quanto è accaduto in assemblea, motivando le decisioni prese in merito:  “Jesi ed altri cinque comuni hanno votato contro perché convinti – supportati anche da pareri legali –  che ci sia il rischio concreto che questo provvedimento possa essere impugnato in quanto il percorso non ci sembra in linea né con la normativa degli appalti né con le linee guida dell’ANAC”. Inoltre, il Primo cittadino ha ribadito come si tratti di un appalto “dalle dimensioni enormi, si parla di circa 1 miliardo di euro e, pertanto, occorreva una determinatezza ed una analiticità che non c’è stata. C’era una soluzione alternativa, che avevamo consigliato, ed era quello dell’affidamento in house temporaneo per fare in modo che le tipologie di raccolta dell’ambito fossero integrate al meglio. Si è invece optato per l’affidamento nel lungo periodo. Temiamo che possano esserci in futuro dei ricorsi che inficerebbero poi su tutto il percorso”.

Il piano si svilupperà in 14 anni ma le due società avranno 90 giorni di tempo, entro il 30 novembre quindi, per la costituzione della società consortile. Poi si cercherà di superare la frammentazione perché ogni attività non ricomprende lo stesso numero di procedure: c’è ad esempio chi gestisce tutto il ciclo dei rifiuti, dallo spazzamento al conferimento, chi soltanto una parte dell’intero procedimento.

“Nel caso in cui non vengano attuate delle procedure che permettano effettivamente a tutti Comuni di poter attuare il controllo analogo nella società partecipata in questione, chiederò che Jesi possa far parte in maniera autonoma nella società consortile – puntualizza il Sindaco Bacci – Multiservizi sulla carta è una partecipata ma in realtà è gestita secondo le indicazioni del socio di riferimento, il Comune di Ancona. Credo che anche gli altri comuni debbano avere voce in capito, soprattutto nelle decisioni che poi andranno ad influire direttamente sui cittadini. O si cambia e si procede nella direzione del controllo analogo e lo si fa in maniera corretta oppure Jesi continuerà ad avere una propria autonomia di gestione, ovviamente all’interno del Consorzio, con una propria partecipata. Vedremo in futuro se avremo risposte definitive in merito, augurandoci che nessuno impugni quanto deliberato ieri e non fermi una procedura di cui invece c’è necessità che vada avanti nell’interesse di tutti i cittadini”.

 

Chiara Cascio

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*