Giovane nibbio torna a volare grazie ai Falconieri Federico II e Oasi Ripa Bianca | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Giovane nibbio torna a volare grazie ai Falconieri Federico II e Oasi Ripa Bianca

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Torna libero un esemplare di giovane nibbio, salvato grazie alle cure dell’associazione Falconieri Federico II e alla collaborazione dell’Oasi di Ripa Bianca.  Dopo aver restituito la salute a Costanza, la femmina di falco pellegrino che ora volteggia in salute intorno al campanile di San Floriano insieme al maschio Federico, nelle mani del dott. Gianluca Tiroli, che oltre ad essere esperto di rapaci e falconiere è anche un veterinario, lo scorso maggio è arrivato un esemplare di nibbio bruno. Ritrovato da una signora nelle campagne di Ostra in pessime condizioni, l’animale è stato portato all’ambulatorio di Tiroli per le cure: «Il rapace presentava una frattura al femore, era sporco e denutrito – spiega Tiroli -. La particolarità del caso è che il nibbio non è tipico di questa zona ma è un migratore, dunque probabilmente di passaggio».

Il nibbio insieme al dott. Tiroli e volontari Falconieri Federico II

Il rapace è stato subito sottoposto alle cure, custodito dall’associazione Falconieri Federico II in collaborazione con l’Oasi di Ripa Bianca che ha fornito la voliera per la riabilitazione. «Inizialmente l’animale si era ripreso poi però quest’estate ha avuto una ricaduta, con una nuova frattura alla zampa, e siamo ripartiti dovuti ripartire daccapo, cercando di nutrirlo anche se inizialmente si rifiutava – continua Tiroli -. Dopo oltre un mese di ricovero controllato, è stato riportato in voliera. Ci sono voluti in tutto quattro mesi di cure prima di poterlo liberare». Il nibbio è stato rimesso in libertà mercoledì mattina, sempre dall’oasi di Ripa Bianca, dalle colline di Mazzangrugno, alla presenza della Polizia provinciale che lo ha inanellato così da poterlo tenere sotto controllo: «Un ringraziamento va a tutti i coloro che hanno messo impegno e risorse per salvare il rapace – conclude Tiroli – Dalla Regione, purtroppo, si stanno dilungando i tempi per il finanziamento dei cras, i centri recupero per animali selvatici, attualmente curati solo per buona volontà dei volontari e di propria tasca. Proprio per questo, su Facebook abbiamo lanciato una raccolta fondi per far fronte alle spese medico veterinarie e logistiche per assistere la fauna selvatica in difficoltà».

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.