Giro di vite per i furbetti dei rifiuti, 85 le sanzioni della Polizia locale in quattro mesi

Il frigorifero abbandonato in piazza Sansovino

JESI – Raccolta differenziata, pugno di ferro contro chi non conferisce correttamente i rifiuti. Sono già 85 infatti le sanzioni elevate dalla Polizia locale nel primo quadrimestre dell’anno, a fronte delle 100 registrate durante l’intero 2018. E il numero potrebbe salire ancora se considerati anche quei casi ancora in fase di accertamento. Una buona notizia, dunque, per i residenti di quelle zone particolarmente privilegiate dai cosiddetti “scaricatori seriali” che abbandonano i rifiuti ingombranti fuori dai cassonetti: proprio ieri sera, all’isola ecologica di piazza Sansovino è apparso un frigorifero mentre qualche giorno prima in quella di piazza Baccio Pontelli è stata lasciata una poltrona. Un vero sfregio per il centro storico che proprio in questi giorni è visitato dai turisti. Tuttavia, l’obiettivo della Polizia locale è quella di risalire a questi furbetti: «In media effettuiamo circa 8 controlli al mese nelle aree cittadine più sensibili: sanzionando, vorremmo fare in modo che Jesi possa mostrare la parte migliore di sé» conferma il Comandante della Municipale Cristian Lupidi – Le zone dove sono state elevate il maggior numero di multe comprendono le periferie, dalla zona industriale a via Piandelmedico, Gangalia Alta, via Mazzangrugno, Tabano, e anche quartieri centrali e residenziali come Campo Boario, via Spina, via Roma, via delle Fiammiferaie». I controlli sono ad ampio giro ma non sempre si riesce ad individuare i responsabili: ad effettuare i controlli è la pattuglia del Reparto Controlli Ambiente coordinato dal commissario Anna Grasso congiuntamente con gli operatori della Jesiservizi che consentono l’ispezione.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*