Astralmusic

I 40 anni della 194, una petizione per avere #moltodipiù

Astralmusic

JESI- Cosa vuoi per i tuoi 40 anni? #moltopiùdi194.

In occasione  dei 40 anni della legge che legalizza l’interruzione volontaria di gravidanza, anche a Jesi, il Coordinamento regionale 194senzaobiezione è presente con un banchetto di raccolta firme per la petizione sulla contraccezione gratuita e l’accesso all’aborto farmacologico.

“Tra gli articoli della legge 194 che non vedono piena applicazione ci sono questi temi su cui è possibile agire subito – sostiene il coordinamento – chiediamo che vengano presi in considerazione le nostre istanze, nel rispetto della legislazione e del diritto alla salute delle donne, senza tralasciare di considerare il notevole impatto che queste misure produrrebbero sul risparmio economico e sull’ efficienza dei servizi offerti dallo stato sul proprio territorio”.

La legge 194 del 1978, definita allora dall’Unione delle Donne Italiane come un importante successo del movimento femminile per sconfiggere l’aborto clandestino, pone con forza l’accento sulla prevenzione:  L’accessibilità è spesso anche una questione economica per questo riteniamo indispensabile la gratuità dei contraccettivi di base anche in considerazione di un risparmio a lungo termine per il Servizio Sanitario Nazionale – sostiene il coordinamento – Inoltre, l’articolo 15 della legge 194 sancisce il diritto di accedere alle tecniche più moderne e più rispettose dell’integrità fisica e psichica della donna, nonchè meno rischiose per l’interruzione della gravidanza. La somministrazione di due farmaci, il Mifepristone e la Prostaglandine, assunti a distanza di 3 giorni, aborto farmacologico, è al momento una tecnica considerata sicura ed è per questo consigliata nella gran parte della casistica clinica. In molti paesi europei farmaci per l’interruzione volontaria di gravidanza farmacologica vengono dispensati in regime ambulatoriale mentre in Italia è previsto il ricovero ordinario e ospedalizzazione di almeno tre giorni”.

C’è tempo anche domani mattina, dalle 10.30, in piazza della Repubblica, o alla Coop sabato mattina dalle 9, per firmare al banchetto di raccolta. In alternativa, si può firmare su chance.org.

Per quanto riguarda invece la campagna contro l’aborto lanciata a livello nazionale da ProVita Onlus, con il maxi cartellone choc diffuso anche ad Ancona e a Jesi, il coordinamento 194senzaobiezione risponde: “Ne chiediamo l’immediata rimozione perché lesivo del rispetto della libertà degli individui e dei diritti civili, così come previsto da numerosi regolamenti comunali in materia di pubblicità. Oggi come ieri è particolarmente significativo, affermare battersi per il rispetto di una legge simbolicamente fattivamente importante per l’autodeterminazione la salute di tutte le donne. Quando nei primi anni ’70 le donne iniziarono la lotta per la legalizzazione dell’aborto, erano in centinaia di migliaia quelle costrette a sottoporsi all’aborto clandestino, con rischi incalcolabili per la propria vita e la propria salute. I nuovi attacchi alla legge 194 l, gli innumerevoli tentativi di impedirne la normale applicazione, di renderla inoperante a causa dell’obiezione di coscienza, risultano indegni di un paese democratico.”

 

2 Commenti su I 40 anni della 194, una petizione per avere #moltodipiù

  1. “Ne chiediamo l’immediata rimozione perché lesivo del rispetto della libertà degli individui e dei diritti civili”

    Della serie: chiamiamo “diritti” le nostre idee ed impediamo che quelle degli altri vengano espresse, naturalmente in nome della “libertà degli individui”.

  2. Addirittura la 194 senza obiezione. Dovrebbe essere abolito l’aborto, togliamo la parola “diritto” a questo dramma.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*