I cento anni di Armando Goffi

JESI -Domani, 4 agosto, Armando Goffi taglierà l’invidiabile traguardo dei 100 anni di vita. La notizia, tutto sommato, considerati i tempi, non sarebbe poi cosi straordinaria; tanti infatti sono quelli che raggiungono e superano il secolo di vita. Il signor Goffi, però, nel raggiungere questo traguardo, porta con se un piccolo, grande primato. Già, perché quasi tutti i centenari festeggiano il loro compleanno attorniati da figli, nipoti e pronipoti; a nonno Armando questo non bastava, martedì prossimo, infatti, accanto a se avrà anche la piccola Alena, figlia di un suo pronipote e dunque esponente della quarta generazione.

Nato il 4 agosto 1915, proprio quando da pochi mesi l’Italia era scesa in guerra contro l’impero austro-ungarico, Armando Goffi è cresciuto nella sua Jesi come tanti giovani dell’epoca; ha svolto il servizio militare e poi si è dovuto cimentare nella seconda guerra mondiale. Si è sposato con la signora Antonia, scomparsa anni addietro, e come tutte le persone semplici, amanti della famiglia, ha lavorato fino a quando non è andato in pensione. Oggi abita in via Fermi, in compagnia del figlio maschio, ed è proprio nel cortile, al numero 5 di questa via, che martedì si ritroveranno il figlio, la figlia, i 5 nipoti, i 6 pronipoti e la tris nipote per festeggiare nonno Armando. Per l’occasione i nipoti hanno preparato una simpatica dedica che racchiude tutto l’affetto che dimostrano nei confronti del loro avo.

“Le rughe della vecchiaia – scrivono nipoti e pronipoti – formano le più belle scritture della vita, quelle sulle quali i bambini imparano a leggere i loro sogni. Grazie nonno Armando!!!”, seguono le firme del piccolo esercito festante di eredi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*