I primi 20 anni dell'associazione internazionale «Liberato Zambia 2001» | Password Magazine

I primi 20 anni dell’associazione internazionale «Liberato-Zambia 2001»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

ANCONA – Da 20 anni attiva sul territorio dello Zambia, l’associazione di volontariato internazionale “Liberato Zambia 2001” sta aiutando la popolazione dal punto di vista socio-sanitario grazie alla collaborazione di un gruppo di medici mossi dalla stessa passione, quella di aiutare il prossimo.

Abbiamo voluto saperne di più con il dott. Davide Drenaggi, Presidente e co-fondatore dell’Associazione.

Dott. Drenaggi, come nasce l’associazione?

«Tutto è nato da un viaggio in Zambia fatto da un gruppo di medici finalizzato alla conoscenza di alcuni bambini adottati a distanza tramite le Suore missionarie Francescane di Assisi. Il contatto con la realtà socio-sanitaria africana e le numerose necessità locali hanno rafforzato il proposito di proseguire il rapporto con il paese africano promuovendo vari progetti d’intervento con la nascita, nel marzo del 2001, dell’Associazione di Volontariato e Solidarietà internazionale “Liberato Zambia 2001”. In questi primi 20 anni di attività, abbiamo portato avanti tanti progetti che possono essere distinti in due periodi temporali caratterizzati, soprattutto, dalla specificità dei progetti stessi».

Vale a dire?

«I primi 7 anni dell’associazione sono stati dominati prevalentemente dall’attività in campo sanitario e quindi il miglioramento della qualità dei servizi offerti da vari Ospedali come auspicato dalla politica sanitaria Zambiana dell’epoca. Per raggiungere tale obiettivo, l’Associazione ha collaborato con diversi ospedali Zambiani (missionari e governativi) migliorando e, a volte, costruendo ex novo, i servizi necessari.

«Siamo riusciti a portare a termine 6 unità di diagnostica radiologica ed ecografica, 4 sale operatorie, 5 laboratori analisi, un poliambulatorio in foresta e un padiglione ospedaliero».

Nell’ambito del progetto sono state inviate anche discrete quantità di farmaci essenziali ed è stato incoraggiato uno scambio professionale bi-direzionale: alcuni operatori sanitari Italiani hanno effettuato uno stage di formazione presso l’Ospedale missionario “Santa Teresa” (Ibenga) e medici zambiani sono stati ospitati per uno stage presso gli “Ospedali Riuniti” di Ancona.

Un altro importante risultato è stato raggiunto grazie alla collaborazione con la Clinica Malattie Infettive dell’Università Politecnica delle Marche: l’Associazione è diventata co-partner dell’iniziativa europea Esther (Ensemble pour une Solidaritè Therapeutique Hospitaliere En Rèseau) tramite la quale sono stati forniti i farmaci per la cura dell’AIDS all’Ospedale Santa Teresa di Ibenga. Ma non solo, abbiamo portato avanti anche progetti in ambito sociale: il Progetto scuole che ha incentivato gemellaggi e scambi culturali tra scuole zambiane e quelle italiane e ha favorito la costruzione di un plesso scolastico e il “Progetto adozioni” incentivando la scolarizzazione di circa 300 bambini e collaborando finanziariamente al mantenimento di una struttura per orfani e, infine, all’adozione di un centro nutrizionale dove viene garantito un pato al giorno a un centinaio di bambini che vi afferiscono».

E negli ultimi anni?

«Dal 2009 ad oggi, ci siamo focalizzati soprattutto nel campo della malnutrizione infantile, iniziando un “Programma integrato per la prevenzione e il contrasto alla malnutrizione infantile” nell’area di Luanshya estendendolo, successivamente, in quella di Chililabombwe (al confine con la Repubblica Democratica del Congo) tramite due progetti interconnessi, il progetto “Grand” (Growth And Nutrition Development) e il progetto Yola Yoli (Your Land is Your Life).

Laboratorio di produzione Yola Yoli
Il laboratorio di produzione Yola Yoli

Il primo ha visto impegnato, per circa un anno, il personale sanitario italiano (medici e infermieri), grazie alla co-partnership con l’Azienda Ospedaliera Universitaria “Ospedali Riuniti” di Ancona, l’Università Politecnica delle Marche e il Comune di Ancona, nella formazione in loco degli operatori africani: in particolare, viene verificato lo stato di crescita dei bambini di età inferiore a 5 anni poiché nei casi di insufficiente crescita, viene somministrato un Integratore Alimentare a forte contenuto nutrizionale, rispettando le tabelle suggerite dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Attualmente sono 9 i centri compresi nel progetto, cui afferiscono, totalmente, circa 2.000 bambini.

IMG-20200804-WA0011
La confezione finale dell’integratore

Presentazione standard1

Il secondo progetto è strettamente connesso al primo in quanto il suddetto integratore Alimentare veniva acquistato in Malawi, con evidenti maggiorazioni di costo e problematiche varie di approvvigionamento. Dopo qualche mese dall’avvio del progetto Grand, verificata l’efficacia del programma, l’associazione realizzava un laboratorio per la produzione in loco dell’Integratore, ritenendo così di sostenere anche una piccola economia locale sia con l’acquisto dei prodotti di base (arachidi, olio di mais, zucchero, latte in polvere) dagli agricoltori locali sia utilizzando la locale manodopera. E a distanza di anni dall’avvio dei progetti, noi continuiamo a sostenere economicamente il loro percorso di autonomia e sostenibilità».

Per saperne di più e per fare una donazione, potete consultare il loro sito: http://www.liberatozambia2001.org/

Una donazione può essere eseguita anche aderendo alla raccolta fondi: http://www.gofundme.com/f/yolayoli

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.