Il Teatro Pergolesi riparte dalla Lirica «Notte per me luminosa» | Password Magazine

Il Teatro Pergolesi riparte dalla Lirica «Notte per me luminosa»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Il Teatro Pergolesi di Jesi riparte esattamente da dove, lo scorso autunno, dovette interrompere la sua programmazione subito dopo la felice inaugurazione, per effetto del DPCM anticovid di sospensione degli spettacoli aperti al pubblico.

Si riparte dunque dal cartellone della Stagione Lirica di Tradizione, che giunge quest’anno alla 54esima edizione, e dall’opera che doveva andare in scena il 7 e 8 novembre 2020, ora riprogrammata sabato 29 maggio 2021 alle ore 19 domenica 30 maggio ore 16, con un’anteprima giovani giovedì 27 maggio ore 16. Si tratta di una novità assoluta per il cartellone lirico jesino: l’opera contemporanea di Marco Betta dal titolo “Notte per me luminosa”, scene liriche su personaggi dell’Orlando Furioso, su soggetto e testo di Dario Oliveri, scritta nel 2016 su commissione della Fondazione Teatro Comunale di Modena, Teatro dell’Opera Giocosa di Savona, Fondazione Teatri di Piacenza. La Fondazione Pergolesi Spontini la propone in una nuova produzione e con un nuovo allestimento, realizzato dal proprio laboratorio scenografico a Jesi.

Dirige il M° Marco Attura sul podio della FORM Orchestra Filarmonica Marchigiana, la regia è di Matteo Mazzoni, le scene di Ginevra Fusari e Alice Gentili allieve del corso di Scenografia Accademia di Belle Arti di Maceratalight designer è Ludovico Gobbi, video designer Luca Attili. In scena tre cantanti lirici e un attore: cantano Giacomo Medici nel doppio ruolo di Orlando/Pastore, Aloisa Aisemberg quale Medoro/Astolfo e Margherita Hibel interprete di Angelica, la voce recitante è quella Michele Bandini nel ruolo di Ludovico Ariosto.

L’opera è ispirata al più celebre romanzo cavalleresco italiano, “L’Orlando furioso”, protagonisti i suoi fantastici personaggi e lo stesso autore, Ludovico AriostoIl compositore è Marco Betta, i cui lavori sono stati eseguiti, tra l’altro, al Teatro alla Scala, Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, Accademia Chigiana di Siena, Arena di Verona, dall’Orchestra Sinfonica della RAI e dall’Orchestra Regionale della Toscana. La musica di Betta, che si è sempre nutrita della memoria storica di antiche culture mediterranee, fondendo tradizione classica e modernità, si unisce in questa occasione alla narrazione poetica che Dario Oliveri ha immaginato attorno agli ultimi istanti della vita dell’Ariosto, in una notte di prima estate del 1533.

“Notte per me luminosa”, con parti recitate e cantate, è un’opera che si alimenta di altre opere, poetiche e musicali, da Monteverdi a Calvino, da Borges ad Erasmo da Rotterdam e Manuel de Cervantes. In scena sono quattro personaggi, Angelica, Orlando, Astolfo e Medoro, con la fugace apparizione di un Pastore. Tali personaggi sono evocati dai sogni e ricordi di Ludovico Ariosto e dunque cantano e agiscono sulla scena, ma non sono personaggi “reali”. A differenza, s’intende, di Ludovico Ariosto che invece è l’unico essere umano presente nell’opera. È questa, tra l’altro, la ragione per la quale è anche l’unico a parlare anziché cantare

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.