Imparare l’emergenza e il primo soccorso a scuola

CASTELPLANIO – È diventata materia formativa con la riforma della Buona Scuola, che ha introdotto l’obbligo di corsi di primo soccorso negli istituti scolastici secondari di I e II grado, ma per gli studenti delle scuole di Pianello Vallesina, Moie e Castelplanio imparare l’emergenza e il primo soccorso non è una novità.

La Croce Rossa Italiana-comitato di Castelplanio ha proposto infatti per il quinto anno consecutivo il progetto “Un nuovo libro a scuola”. Oltre cinquecento i ragazzi delle tre scuole secondarie hanno potuto sperimentare con il kit di autoapprendimento Mini Anne le conoscenze di base della Rianimazione Cardiopolmonare(RCP) in meno di 30 minuti.

Sabato 14 maggio i volontari CRI hanno tenuto le lezioni teorico-pratiche nei tre istituti a circa 180 studenti delle otto prime classi, con l’omaggio a tutti del kit Mini Anne, per studiare e mettere in pratica le misure salvavita. Per gli studenti più grandi, già formati negli scorsi anni, un ripasso delle nozioni teoriche apprese e un’esercitazione pratica. Obiettivi del progetto, oggi inseriti nei programmi scolastici, sono acquisire le nozioni e delle tecniche base di primo soccorso, necessarie per saper affrontare situazioni come un arresto cardiaco e l’ostruzione delle vie respiratorie, diffondere la cultura dell’emergenza sanitaria, promuovere la lotta alla morte cardiaca improvvisa e fornire programmi di informazione e formazione sui comportamenti da tenere in caso di emergenza e sulle manovre di primo soccorso. Insegnare ad intervenire con un massaggio cardiaco significa salvare la vita ad una persona, ed aggiunge al bagaglio educativo dello studente la consapevolezza del valore per la vita.

«Al centro delle nostre lezioni- spiegano i volontari CRI- sono la tempestività nell’avvertire i mezzi di soccorso, contattando la centrale operativa del 118 e la capacità di effettuare le manovre RCP, imparando le tecniche del massaggio cardiaco e di ventilazione, che prolungano il tempo utile ai soccorritori per arrivare e prestare le cure necessarie.»

Hanno sostenuto l’iniziativa i Comuni di Castelbellino, Monteroberto, Castelplanio, Maiolati Spontini e Poggio San Marcello. E diversi sono stati gli sponsor: Garbini Consulting Risparmio Virtuoso, Centro La Fontana di Quartina, Centro L’Oceano Discount Tutto a Quattro Soldi, Anibaldi e Pandolfi Casa del Commiato.

«È una proposta dalla validità educativa oramai confermata. –commenta Samuele Luzi, istruttore e formatore CRI – La risposta dei ragazzi come ogni anno ci stupisce, sia per l’interesse, ma ancora di più per la rapidità con cui recepiscono tecniche e contenuti. Già nell’anno scolastico scorso 2014-2015 alcuni studenti di terza media avevano scelto di portare all’esame questa attività come materia facoltativa. Noi volontari CRI siamo quindi orgogliosi di essere stati precursori della Buona Scuola in materia di primo soccorso, nel fornire programmi di informazione e formazione su temi così importanti.»

Il progetto Un nuovo libro a scuola è nato nel territorio nel 2011, ed è continuato grazie all’impegno del Comitato di Castelplanio, dei volontari e degli istituti comprensivi di Monteroberto e Moie- Castelplanio-Poggio San Marcello. Il Kit, donato in questi anni a tutti gli studenti, raggiunge necessariamente le famiglie nel percorso di formazione sanitaria. Mini Anne insegna ad utilizzare in modo “pratico-mentre-guardo”, grazie all’aiuto offerto da un DVD istruttivo, , ad un manichino gonfiabile e al manuale sulla RCP. Il manichino ha un meccanismo integrato a scatto, per lo svolgimento corretto delle compressioni su adulti e bambini.

Un libro speciale, dunque, per allenarsi alla vita, all’altruismo e alla solidarietà.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*