In tanti per l'addio a Riccardo Ceccarelli: «La tua una appassionata testimonianza» | Password Magazine

In tanti per l’addio a Riccardo Ceccarelli: «La tua una appassionata testimonianza»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MONTE ROBERTO – Chiesa gremita oggi per l’ultimo saluto a Riccardo Ceccarelli. In molti sono arrivati da tutta la Vallesina per dire addio allo storico e giornalista che ha lasciato il segno in ogni angolo della comunità. C’erano sindaci ed ex sindaci, rappresentanti di associazioni locali, colleghi giornalisti. La cerimonia si è svolta alla chiesa di San Silvestro, officiata dal vescovo Don Gerardo. «Sei stato un servo buono e fedele – ha detto il vescovo durante il rito funebre – Di lui, voglio ricordare un aspetto che si aggiunge al suo profilo di storico e giornalista: Riccardo era un uomo di cultura e anche di fede. Ha sempre vissuto con rettitudine e coerenza nelle scelte, anche se queste comportavano dolore».

Don Gerardo ha poi letto alcuni passi dell’ultimo articolo scritto da Ceccarelli, pubblicate domenica su Voce della Vallesina, il giornale diocesano con cui collaborava da anni:  «Sembra quasi il suo testamento spirituale, che ha voluto condividere con tutti noi. Sembra che abbia scritto l’omelia per questa messa».
Una riflessione sui tempi moderni, sul raccoglimento in questi giorni che precedono le celebrazioni dei Morti e dei Santi che tuttavia in questa società sembra mancare. «Bisogna avvicinarsi al mistero dell morte in silenzio – diceva – solo così potremmo coglierne il messaggio».
Per lui parole anche da Manlio Baleani, in rappresentanza della  Deputazione Storia Patria delle Marche, di cui Riccardo Ceccarelli era parte del consiglio direttivo, che lo ha ricordato come «Memoria vivente della Vallesina»; Beatrice Testadiferro, direttrice di Voce della Vallesina, che ha ricordato come l’impegno e la ricerca non sono mancati fino agli ultimi giorni, con il pc sempre acceso, lui continuava a scrivere, rispettoso delle competenze. «Grazie per la tua appassionata testimonianza».
E poi ancora la vice sindaco Melania Cannuccia, commossa, che ha ripercorso con la memoria gli attimi in cui è arrivata la triste notizia e poi parole di ringraziamento da parte di tutta la comunità di Monte Roberto e le condoglianze alla moglie Raffaella e al figlio Edoardo. Poi ancora il ricordo del cognato Bruno Carbini: «Aveva una passione per la conoscenza, sempre immerso nello studio. Un gigante del pensiero ma sempre umile, lui si poneva sempre alla tua altezza. Gran dote l’umiltà oggi forse troppo poco apprezzata». Infine le parole di dolore del Presidente della Provincia e sindaco di Cupramontana Luigi Cerioni: «Oggi perdo un caro amico di Cupramontana, grazie per tutti i tuoi numerosi lavori che ci hai lasciato».
Il corteo funebre, guidato dalla Confraternita del SS Sacramento, ha poi raggiunto il cimitero locale per la sepoltura.
Addio Riccardo. Grazie per aver lasciato in chi ti ha conosciuto un seme di speranza, una luce di rettitudine e di umiltà che resterà viva nei ricordi di chi ha avuto la fortuna di incontrarti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.