Incidente sul lavoro mortale a Jesi, i sindacati: «Già una vittima nel 2021. Più controlli» | Password Magazine

Incidente sul lavoro mortale a Jesi, i sindacati: «Già una vittima nel 2021. Più controlli»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Era andato a recuperare del materiale dalla banchina, si era fermato a prendere le misure come fa un operaio con anni di esperienza. Nessuno poteva immaginare che di lì a poco si sarebbe consumata la tragedia. Pasquale Barra, 56 anni, è morto questa mattina alle 8.30, schiacciato da un caricatore dal peso di 70 tonnellate, condotto da un altro operaio, in corrispondenza dei binari 4 e 5. Sotto choc i colleghi, che non si spiegano come sia potuto accadere un incidente simile: dopo tutto, era un lavoratore con anni di esperienza e, dicono, è strano non si sia accorto dell’arrivo del mezzo. C’è chi ipotizza sia scivolato o che un malore lo abbia colto all’improvviso, spingendolo verso una inevitabile fine. Inutili i soccorsi del 118, gli operatori del Commissariato di Jesi arrivati sul posto apprendevano dai sanitari l’avvenuto decesso.

L’uomo era rientrato in cantiere insieme ai suoi colleghi il 4 gennaio, dopo la pausa natalizia. Aveva lasciato Afragola, città del napoletano, dove viveva con la sua famiglia, per venire a lavorare a Jesi nella ditta incaricata da Rfi al rifacimento delle banchine della stazione jesina.
Una vita in cantiere scandita da ritmi difficili e sacrifici, lontani dagli affetti più cari. «Trascorriamo gran parte del nostro tempo con la squadra, più che  mogli e  figli» racconta un operaio, ancora sconvolto.  Alle 7.30 del mattino erano già tutti in cantiere, di rientro dall’Epifania. Dopo un’ora la tragedia.
Sul caso è aperta un’indagine volta a chiarire le cause dell’incidente: sul posto l’intervento del personale in servizio presso l’ufficio di sicurezza del lavoro dell’Asur, che ha effettuato i rilievi di competenza, insieme agli agenti di Polizia di Stato del Commissariato di Jesi, agli ordini del dirigente Mario Sica, e all’aliquota della Scientifica.
La salma è ora a disposizione dell’autorità giudiziaria all’ospedale di Torrette, l’area del cantiere è posta sotto sequestro.

20210107_112923

Tuonano i sindacati: «La prima vittima del 2021»

DA Fillea CGIL e Filt CGIL:  «L’anno è appena iniziato e già si conta il primo incidente mortale nella provincia di Ancona – si legge in una nota stampa – La Fillea Cgil e la Filt Cgil  di Ancona esprimono cordoglio e rammarico per quanto accaduto; la dinamica dell’incidente non è ancora chiara e, comunque, non spetta al sindacato entrare nel merito della questione. Piuttosto,  Fillea Cgil e Filt Cgil di Ancona sollecitano il rispetto dei protocolli  sottoscritti tra il Ministero delle Infrastrutture e Rfi , relativi  alla gestione e assegnazione  degli appalti per le ferrovie. Il sindacato è vicino alla famiglia del lavoratore rimasto vittima dell’ennesimo infortunio sul lavoro in un settore, quello edile, tra i più colpiti nella provincia e nella regione».

Anche da Uil la richiesta di maggiori controlli e sicurezza: «Esprimiamo la nostra vicinanza, in un momento così triste e drammatico, alla famiglia dell’operaio morto – fa sapere il sindacato -. Al tempo stesso vogliamo esprimere anche tutta la nostra rabbia per l’ennesima vittima sul lavoro, una delle prime per questo nuovo 2021. Inutile dire che di fronte a queste sciagure occorre non abbassare la guardia, fare controlli, perseguire l’adozione di tutti i sistemi di sicurezza e così via: lo diciamo ogni volta che ci si trova di fronte ad un infortunio sul lavoro. Le parole e le denunce, oltre alla mobilitazione, che come sindacato siamo soliti esternare in momenti simili risultano vane se poi ogni volta, passata qualche settimana, ci si dimentica dei lutti e si ritorna ad operare come prima, come se non fosse accaduto nulla. Esigiamo più controlli, severi e puntuali ma costanti, così come esigiamo che si lavori molto di più sulla cultura della sicurezza, che a nostro avviso è la vera chiave di volta per scardinare questo infernale meccanismo di morte sul lavoro.

Stessa cosa vale per i contratti applicati, le ore di lavoro svolte, le ore ed i turni di riposo; tutti fattori che incidono pesantemente sui livelli di sicurezza. Soprattutto va chiarito una volta per tutte che la sicurezza non deve essere vista come un costo, ma come un’opportunità, altrimenti continueremo a piangere l’ennesima vittima di infortunio sul lavoro». (c.c.)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.