Influenza stagionale quasi scomparsa? «Merito di mascherine e distanziamento» | Password Magazine

Influenza stagionale quasi scomparsa? «Merito di mascherine e distanziamento»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

Influenza stagionale quasi sparita, il merito è di mascherine e distanziamento, insieme alle altre misure di igiene assimilate durante questo periodo di pandemia. Lo afferma il responsabile della sorveglianza Influnet dell’Istituto superiore di Sanità Antonino Bella del Dipartimento Malattie infettive in un’intervista rilasciata a Quotidiano Sanità: «É la prima volta in 20 anni che osserviamo un’incidenza delle sindromi simil-influenzali così bassa e sotto soglia anche nella seconda settimana del 2021».

In base agli ultimi dati del report Influnet, rilevati dall’11 al 17 gennaio, l’incidenza è pari a 1,5 casi per mille assistiti. Il gap emerge con estrema evidenza se lo confrontiamo con quello della scorsa stagione quando si attestava su 8,5 casi per mille, in questa stessa settimana.

«Le misure di prevenzione contro il Sars-Cov-2 hanno avuto un ruolo sostanziale – dichiara Bella a Quotidiano Sanità – Non ci sono dubbi. Merito che non possiamo attribuire alla vaccinazioni, anche perché a differenza degli anni precedenti la campagna vaccinale è tutt’ora in corso in quanto il ministero della Salute ha evidenziato nella circolare di prevenzione dell’influenza l’opportunità di vaccinarsi anche dopo il 31 dicembre».
Che il merito vada alle misure di prevenzione adottate per il covid è rafforzato dal fatto che da aprile al 31 dicembre 2020 non si sono registrati casi di Rosolia e morbillo. Un dato riscontrato anche a livello europeo. «A conti fatti – – aggiunge Bella – lavaggio delle mani, mascherina e quando possibile il distanziamento si sono dimostrate misure efficaci».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.