"Io e Cristina" per il ventennale di Anvolt Marche | Password Magazine
Banner-Hedone
hedone

“Io e Cristina” per il ventennale di Anvolt Marche

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Cristina è il nome, reale e simbolico, di tante donne che lottano contro la malattia oncologica. Al tema del tumore al seno viene dedicato “Io e Cristina“, spettacolo che si terrà sabato 11 giugno alle ore 18 al cine-teatro “Il Piccolo”.

Organizzata da Najma Al Sharki della scuola di danza orientale e africana “Malayka Sharki”, con il supporto dell’associazione culturale “Para un Principe Enano” di Olga Lidia Priel Herrera, l’esibizione ha il fine di sensibilizzare alla lotta contro il tumore al seno. La lettura di storie verrà alternata a momenti di danze in chiave interculturale, riservando ampio spazio alle testimonianze delle volontarie dell’Associazione Nazionale Volontari Lotta contro i Tumori (Anvolt), fondata a Milano nel 1984 e che quest’anno celebra il suo ventennale nella regione Marche.

logo-anvolt

“Anvolt è presente in tutta Italia per dare ai malati di cancro e alle loro famiglie un sostegno pratico per alleviare le sofferenze e i problemi connessi alla malattia” spiega Francesca Puce, segretaria dell’associazione. “Presente nelle Marche da gennaio 2002, abbiamo tre sedi, Ancona, Fano e Civitanova, offrendo servizio psicologico a supporto del malato oncologico per i suoi bisogni quotidiani, anche con persone anziane”.
“Anche durante la pandemia di Covid-19 abbiamo continuato ad operare senza farci rallentare”, prosegue la volontaria Olga Terranova, “Cerchiamo di colmare quelle lacune che l’assenza di familiari crea. Ci occupiamo di screening e diagnosi precoce, assistenza domiciliare, sociale e psicologica, helpline e accompagnamento day hospital agli ambulatori. Non abbiamo finanziamenti pubblici, andiamo avanti grazie alle donazioni e al 5×1000″.
Non mancheranno allo spettacolo artisti da tutt’Italia e del territorio, con danze, dipinti, musica e narrazioni. “Quella adottata è una politica territoriale che vuole attirare artisti anche di altre parti d’Italia” dice Lalla Asmaa, ballerina, coreografa e madrina della serata, “affinchè quest’impegno sociale e comunitario metta in rete e in interazione tante diverse associazioni”.
Presente anche l’artista Maria Vittoria Franceschi, in arte VikiArt, sarda di origine ma da anni residente nelle Marche, che esporrà una serie delle sue tele figurative e materiche dedicate alla figura femminile e al nudo.
La chiave interculturale dell’evento si esprime anche attraverso la collaborazione con l’associazione “Para un principe enano”, che sarà presente col suo banchetto per celebrare i 25 anni di attività in Italia, volti al contatto, attraverso le arti, tra la cultura italiana e quella cubana.

Io sono cristina

Una serata in cui il femminile è posto al centro, lo sottolinea Sylvie Rosalie Bibudi, in arte Najma Al Sharki: “Di fronte a un mondo di indifferenza, ci tengo a dire che bastano poche attenzioni per cogliere una donna che soffre e che sta male. Uno sguardo di disattenzione significa abbandonarla al suo dolore. E invece le donne malate di tumore vanno accompagnate. Dove il mondo tace, il volume della nostra musica si alzerà per dare forma alla nostra solidarietà, per dare e darci forza”.

A cura di Angela Anconetani Lioveri

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.