Jesi, il taglio del verde? Ci pensano gli animali da fattoria | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Jesi, il taglio del verde? Ci pensano gli animali da fattoria

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Anche gli animali da fattoria potranno contribuire allo sfalcio delle aree verdi pubbliche, in particolare il bosco urbano, le scarpate, gli appezzamenti privi di attrezzature per la fruizione dei cittadini. E il loro utilizzo potrà essere occasione pure per organizzare specifiche attività didattiche con i bambini delle scuole.

È l’originale novità contenuta nell’appalto per la manutenzione del verde pubblico che per i prossimi tre anni dovrà garantire la pulizia di prati, parchi, pertinenze stradali e la potatura degli alberi dell’intero territorio urbano. Quasi 750 mila euro la base d’asta, finanziata con risorse di bilancio, per un capitolato che stabilisce il punteggio sulla base della migliore offerta tecnica ed economica. E proprio sotto il profilo tecnico, saranno attribuiti fino a 21 punti dei 70 massimi assegnabili (30 sono quelli invece per la parte economica) a quelle imprese che sceglieranno di avvalersi degli animali da fattoria. Siano essi capre o pecore, piuttosto che bovini o asini, ciascuna impresa concorrente per beneficiare di tale opportunità nel punteggio finale “dovrà presentare – si legge nel capitolato –  un progetto inerente lo svolgimento del servizio di sfalcio delle aree verdi in genere ricorrendo all’uso di tali animali da fattoria”.

“Sono già state attivate esperienze simili in alcune parti d’Italia come Ferrara, Torino o Cagliari – ricorda l’ing. Eleonora Mazzalupi, responsabile del Servizio Infrastrutture dell’Area Servizi Tecnici – e la risposta sia in termine di efficacia dell’intervento che di apprezzamento da parte dei cittadini  è stata più che positiva”.

La sperimentazione dovrà essere avviata a partire dal primo anno contrattuale: le superfici dovranno essere incrementate almeno del 30% nel secondo anno contrattuale e di un ulteriore 20% nel terzo. Nella relazione illustrativa del progetto saranno specificatamente indicato le aree oggetto di sperimentazione nella prima annualità ed in quelle successive, le modalità di svolgimento del servizio, il periodo di sperimentazione, la tipologia di animali utilizzati. Non solo: tale progetto, è indicato nell’avviso “dovrà altresì prevedere lo svolgimento di attività didattico-formative strettamente connesse alla tipologia di servizio svolto. Le attività potranno essere a carattere continuativo per tutta la durata dell’appalto o a carattere occasionale. In entrambi i casi dovrà essere presentata una relazione illustrativa delle attività e degli eventi”.

Curiosità agreste a parte, la corretta manutenzione del verde cittadino rappresenta un obiettivo strategico per l’Amministrazione comunale, consapevole che passa dalla pulizia e dal migliore arredo urbano l’idea di una città bella da vivere nelle sue tante opportunità che offre. Ragioni di opportunità hanno indotto a ricomprendere in un solo appalto le varie attività da svolgere che sono lo sfalcio dei prati dei parchi cittadini e delle aree verdi di quartiere (dove l’erba non può mai superare i15 centimetri di altezza), il taglio della vegetazione lungo le pertinenze stradali urbane ed extraurbane, scarpate comprese, e la potatura degli alberi (250 l’anno per 750 complessivi), compresa la verifica di stabilità e gli eventuali abbattimenti.

I lavori oggetto dell’appalto avranno inizio a marzo 2017 e termineranno a febbraio 2020. Tra i criteri per il punteggio finale in graduatoria, sono tenute in considerazione le qualifiche professionali del personale impiegato e l’eventuale utilizzo di soggetti svantaggiati (fino a 22 punti) e gli interventi aggiuntivi di arredo urbano, sulle siepi e sulle potature ad alto fusto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.