Adelson e Salvini inaugura la Stagione Lirica del Pergolesi | | Password Magazine
Banner4Baffi

Adelson e Salvini inaugura la Stagione Lirica del Pergolesi

JESI – Il nuovo allestimento di Adelson e Salvini di Vincenzo Bellini inaugura la 49esima Stagione Lirica di Tradizione del Teatro G.B. Pergolesi di Jesi. L’opera andrà in scena venerdì 11 novembre, ore 20.30 e domenica 13 novembre alle 16 con la direzione di José Miguel Perez Sierra e con la regia di Roberto Recchia. “Quest’opera non conosciuta è una sfida – precisa il regista – Il testo è lineare con elementi stravaganti come la follia romantica del pittore Salvini e l’Irlanda, all’epoca considerata remota ed “esotica”, la preponderanza del lato comico con la figura di Bonifacio. Un Bellini estremamente complesso dal punto di vista musicale”. “Davvero una sfida – ha aggiunto Perez Sierra – quella di trovare uno stile unico e personale di un Bellini 23enne”. “Questa sarà la prima rappresentazione in chiave critica – ha sottolineato direttore artistico Vincenzo De Vivo – dopo la prima di Napoli (1825). E’ importante perché si avvale di materiali musicali originali, tagli e aggiunte che Bellini fece alle prove”. Convinto che sarà una grande rappresentazione l’assessore Luca Butini che si è detto “certo del successo della stagione lirica”, cui ha fatto eco l’amministratore delegato della Fondazione William Graziosi aggiungendo che “siamo l’ultimo teatro di tradizione di lirica invernale in Italia, insieme a Salerno”. Costumi dipinti a mano, di foggia ottocentesca ma realizzati su tela grezza con la firma di Catherine Buyse Dian, costumista impegnata in numerose produzioni internazionali tra cui la collaborazione con “The Young Pope” di Paolo Sorrentino. Le scene sono di Benito Leonori, le luci di Alessandro Carletti. Nella compagnia di canto, protagonisti sono Rodion Pogossov nel ruolo di Lord Adelson e Merto Sungu in quello di Salvini; l’orfana Nelly è Cecilia Molinari, giovanissima scoperta rossiniana al suo primo Bellini. Fanny è Sara Rocchi, Madama Rivers è Giovanna Lanza, Baurzhan Anderzhanov è Struley, Bonifacio è Clemente Antonio Daliotti e Geronio è Enrico Marchesini. L’Orchestra è la Sinfonica “G. Rossini”, il Coro Lirico Marchigiano “V. Bellini” è diretto da Carlo Morganti. L’opera è proposta nella versione originale, quella effettivamente eseguita a Napoli nel Carnevale 1825 e scritta dal giovanissimo compositore al termine dei suoi studi di conservatorio, con i dialoghi parlati ed il ruolo del basso buffo cantato in napoletano. L’edizione critica proposta, a cura di Casa Ricordi, rappresenta nella maniera più completa possibile lo stato attuale delle conoscenze intorno ad “Adelson e Salvini”, dopo il rinvenimento nel 2001 di fonti precedentemente sconosciute, emerse nel Fondo Mascarello della Biblioteca del Conservatorio di Milano, che hanno consentito di integrare le ridisegnare radicalmente ciò che si credeva di sapere sull’opera e di integrare le lacune di autografi e manoscritti già noti.


L’opera è proposta dalla Fondazione Pergolesi Spontini in coproduzione con Teatro Massimo “V. Bellini” di Catania. La vicenda è ambientata nel XVII secolo in un castello irlandese; al centro della trama, due amici (il nobile Adelson e l’artista Salvini) e l’amore per la stessa donna, l’orfana Nelly, tra colpi di scena, sotterfugi e rapimenti. Nella lettura registica di Roberto Recchia, “più che la specificità irlandese è rilevante che il protagonista, l’italiano Salvini, si trovi su un’isola, che circonda con il suo mare la prigione senza sbarre in cui si trova rinchiuso (volontariamente), ospite dell’amico Adelson. Molto forte nella partitura la presenza dell’Italia, grazie soprattutto al peso rilevante di Bonifacio Voccafrolla, che supera i limiti normalmente concessi al versante buffo nel genere semi-serio. E così in Adelson e Salvini finisce per esserci molta più Italia che Irlanda, come se il pittore e il suo amico napoletano, nella trasferta sull’isola, in valigia si fossero portato pasta, pommarola e cuccuma. Tra le iniziative “Intorno alla 49esima Stagione Lirica del Teatro Pergolesi”, mercoledì 9 novembre inaugura la mostra fotografica ad ingresso libero “Foto senza fili” di Adriana Argalia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.