Haber incanta il pubblico con Bukowski, piazza gremita | | Password Magazine

Haber incanta il pubblico con Bukowski, piazza gremita

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Oltre 400 persone presenti per assistere allo spettacolo di Alessandro Haber, ieri sera alle 21.30 in Piazza delle Monnighette. Un eclettico Alessandro Haber che, con la sua teatralità e humor, è riuscito a trasmettere la sua passione per il proprio mestiere e per lo scrittore Charles Bukowski a tutti i presenti.

“Siamo onorati di poter accogliere un artista del calibro di Alessandro Haber – commenta Davide Zannotti, ideatore della rassegna teatrale presso l’Hemingway Cafè –  A te dunque, Alessandro, va un grazie speciale, ma un sentito grazie anche a tutti coloro che oggi sono venuti per sostenere l’arte, la cultura, e dunque l’Hemingway Theatre”. Così Davide ha dato il via alla serata conclusiva del format iniziato il 23 agosto.

Un caloroso applauso ha accolto l’artista che, senza perder tempo, si è subito immerso nella sua arte, vivendo Charles Bukowski, recitandone e cantone degli estratti, scaldando i cuori del suo pubblico. Una piazza gremita di persone, dai più piccini ai più grandi, seduti nella suggestiva scalinata (con dei cuscini messi a disposizione dall’Hemingway Cafè), nelle file di sedie predisposte davanti il palco, o in piedi dove si riusciva a trovare un posto vuoto.

Accompagnato da una band di altrettanto talento, che vede Sasà Flauto alla chitarra, Mimmo Epifani al mandolino e Francesco Santalucia alla tastiera, l’artista si è dilettato nell’interpretazione di poesie e racconti del celebre Charles Bukowski, che lui stesso ha fatto musicare, alla maniera degli chansonnier francesi. Si può dire che è stato un po’ come vedere l’anima dello scrittore statunitense prendere vita sul palco, tanta era l’intensità e la verve con cui recitava: un’interpretazione che ti entra dentro, semplicemente unica.

E senza esitazione alcuna Alessandro passava da Bukowski a Cocciante (“Margherita”), da Cocciante a Francesco De Gregori (“La valigia dell’attore”, dedicata allo stesso Haber) e di nuovo a Bukowski, il repertorio italiano non è mancato, e quando iniziava a cantare, insieme a lui tutto il pubblico. Eclatante in “Reginella” di Libero Bovio: all’unisono pubblico e artista, come fossero un’unica anima.

Per concludere il suo spettacolo intorno le 23.30, ha voluto interpretare “Mi sono innamorato di te” di Luigi Tenco, (che sia una dichiarazione d’amore per Jesi?), spegnendo le luci del palco di questa rassegna teatrale.

Tra una risata, una sigaretta accesa sul palco da vero artista d’altri tempi, e simpatiche battute tra un’interpretazione e l’altra, l’artista ci saluta con un bel “Grazie di cuore, vi abbraccio tutti e… Arrivederci Jesi, tanto torno!”

Infine, Davide Zannotti, patron dell’Hemingway Cafè, ha voluto ringraziare tutti coloro coinvolti in questa rassegna teatrale, l’associazione Magazzino d’Arte, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Jesi, con il patrocinio del Consiglio Regionale delle Marche, del Comune e dell’ Amat, e il sostegno della Fondazione Pergolesi Spontini nell’ambito delle attività teatrali del Centro Studi dedicato a Valeria Moriconi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.