Astralmusic

La “3dicola” compie 70 anni. Fu la prima edicola a Moie

Astralmusic
Daniela Ludovico, a sinistra. A destra l'immagine della prima edicola, in foto Emanuele Ludovico, zio di Daniela

MOIE – Compie 70 anni la 3dicola-libreria di Moie. Era il 1948 quando Antonio Ludovico e suo fratello Emanuele iniziarono a vendere giornali all’interno del negozio di barberia dove lavoravano.

«Tutto iniziò con mio padre che all’epoca si recava in bicicletta a Jesi per acquistare il giornale – ci racconta Daniela, figlia di Antonio e attuale titolare dell’attività – In paese, ben presto si sparse la voce di questi suoi “viaggetti” e in molti iniziarono a chiedergli se dalla città poteva portar su una copia anche a loro. Era diventato un punto di riferimento: chi voleva il giornale sapeva che poteva ritirare poi il tutto in barberia».

Negli anni ’50, i fratelli Ludovico aprirono la prima edicola di Moie: «Era costruita in legno e si trovava vicino all’abbazia Santa Maria, quasi attaccata ai locali dell’ ex Banca Popolare –  continua Daniela – Con l’aiuto della famiglia, si portava avanti quest’attività. Dopo qualche anno, mio zio Emanuele emigrò all’estero. Antonio decise di continuare comunque l’attività: sostituì l’edicola in legno con una struttura in ferro. Piena di giornali, libri e riviste, così ricca di colori, questa graziosa “scatola” è il ricordo più caro che ho della mia infanzia».

Antonio Ludovico davanti la sua edicola. E’ il 1956

Un amore a prima vista quello di Daniela per l’edicola del papà tanto che decise di diventare la terza Ludovico a gestire l’attività di famiglia: «Successivamente, negli anni ’80, ci spostammo in un’altra piazzetta lungo via Risorgimento, vicino ai locali che oggi ospitano l’attuale negozio, al civico 94. Dieci anni fa, infatti, decisi di espandere l’attività e di aggiungere i servizi di libreria e cartoleria».

L’edicola oggi, al civico 94 di via Risorgimento

Un negozio in continua evoluzione che è cresciuto in base alle esigenze dei suoi clienti: «Dopo tanti anni, siamo ancora un punto di riferimento per la comunità. Certo, portare avanti tutto da sola è dura. I miei figli hanno preso strade diverse. Tuttavia, trovo ancora che sia un bellissimo lavoro, che mi fa stare sempre a contatto con le persone».
E, come si dice…. finché si ama quello che si fa, nessun sacrificio pesa.

A cura di Chiara Cascio

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*