Laboratorio Sinistra: «Attacco alla salute pubblica in un quartiere jesino».

JESI – Nella  giornata di venerdì 30 marzo, in zona Coppetella, i residenti del quartiere hanno dovuto affrontare una situazione preoccupante: «Un odore acre e persistente in breve tempo ha invaso le abitazioni poste lungo Via Clementina – si legge in una nota stampa del gruppo Laboratorio Sinistra – Preoccupati e allarmati, anche per alcuni casi di malessere che si  sono verificati tra gli abitanti della zona, i residenti hanno ben presto potuto constatare la causa che ha generato il problema. Infatti in prossimità dell’impianto di biomasse di un’azienda del luogo, erano in corso operazioni di spargimento delle materie prime residue del processo di lavorazione».

Immediatamente il Comitato di quartiere è intervenuto con una nota inviata sia al sindaco, in quanto responsabile della salute pubblica cittadina, che a tutti gli organismi tecnici e d’indagine competenti (Comando Vigili Urbani, ARPAM, Carabinieri Corpo Forestale ), richiedendo una verifica immediata della situazione venutasi a creare: «Laboratorio Sinistra chiede all’ Amministrazione Comunale di verificare immediatamente se la tecnica adottata, i tempi di spargimento e le modalità corrispondono al piano agronomico di spargimento trasmesso, per legge, dalla ditta agli uffici comunali  e se lo stesso rispetta le prescrizioni, i limiti e le indicazioni previste dal D.M.del 25/02/2016 e dalle D.G.R. n.92/2015 e 754/2017. Sembra strano infatti che durante una stagione piovosa, come la primavera, in zone collocate in prossimità di fiumi e falde utilizzate per le coltivazioni  orticole della zona, possano essere autorizzati spargimenti che in caso di precipitazioni (come poi si è verificato) possono finire immediatamente nei fiumi».

Il gruppo Laboratorio Sinistra fa sapere poi di non essere pregiudizialmente contrario a tali impianti: «Riteniamo però indispensabile lo svolgimento di una forte azione di controllo sulle emissioni in atmosfera, suolo e acqua, il monitoraggio deve essere frequente e periodico perché la salute dei cittadina va tutelata sempre e comunque,  mentre nel caso specifico sembrerebbe che qualcosa non ha funzionato se ci sono stati casi di malessere e vomito tra i residenti della zona».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*