Lavori alla ex Giuseppine per realizzare una casa-alloggio per disabili | Password Magazine

Festival Pergolesi

Lavori alla ex Giuseppine per realizzare una casa-alloggio per disabili

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Al via i lavori alle ex Giuseppine. Da gennaio accanto alla Chiesa di San Nicolò è partito il cantiere per la riqualificazione dell’edificio che ospiterà una struttura destinata ai disabili, portando così a compimento le ultime volontà di Daniela Cesarini.

«Una donazione cui tenevamo particolarmente – fa sapere il sindaco Massimo Bacci -. Il lascito rappresenta un attestato di stima nei confronti di questa Amministrazione. Un gesto di fiducia che non scorderò mai».

L’ex assessore comunista nel 2013 aveva lasciato i suoi beni in eredità al Comune per realizzare una casa famiglia per disabili, ubicata in prossimità del centro storico. Proprio in quell’anno, era stata avviata la procedura amministrativa e, l’anno successivo, il Comune era già in possesso della liquidità. «Nel 2016 siamo riusciti a liberare e vendere l’immobile di proprietà, incassando una cifra in linea con il valore effettivo. Poi è stato il momento definire il luogo». Dopo aver scartato come ipotesi la zona San Marco e il complesso San Martino, alla fine la scelta è ricaduta sul palazzo delle ex Giuseppine, per le sue caratteristiche: la posizione centrale e il piano terra disponibile.

«Finalmente è stato aperto il cantiere dei lavori – sono le parole dell’assessore ai Lavori pubblici Roberto Renzi –. La riqualificazione di questo edificio darà anche un elemento di completezza alla sistemazione della Piazza Pergolesi: la palazzina, ormai in stato di degrado e in pieno centro, meritava un restyling. Inoltre – aggiunge – l’intervento darà visibilità anche dell’abside di San Nicolò: per definirlo abbiamo dovuto interloquire con la Soprintendenza di Ancona che ha rilasciato il nulla osta per creare un passaggio, dalla corte privata interna, sul lato destra della chiesa». Sarà liberata dunque una parte dell’abside e rimarrà aperto l’accesso alla corte, con lavori che, secondo l’imprenditore edile Marco Spendolini, dovrebbero impegnare il cantiere «senza particolari impedimenti previsti».

L’eredità Cesarini ammonta a circa un milione di euro ma l’intervento di riqualificazione costerà meno: con la somma restante saranno finanziate  iniziative per disabili, a partire dall’abbattimento delle barriere architettoniche.

Parole di soddisfazione da parte dell’assessore ai Servizi sociali Marialuisa Quaglieri: «E’ stato un percorso lungo, non privo di difficoltà, ma alla fine si è concluso nel migliore dei modi perché siamo andati incontro alle volontà precise di Daniela Cesarini. L’appartamento casa-famiglia è ubicato in centro, nel cuore della città, e anche questo è segnale di inclusione massima nella vita cittadina. Ringrazio gli eredi della Cesarini con cui abbiamo valutato tutte le soluzioni attraverso un confronto continuo». A nome degli eredi di Cesarini  il curatore testamentario Enrico Filonzi, presente alla conferenza stampa con Sandra Cesarini, cugina di Daniela, ha ribadito come il progetto rispetti le volontà di Daniela.

La nuova casa-famiglia, dentro cui troveranno alloggio cinque persone con disabilità lieve, assistiti da operatori, completa il quadro dei servizi cittadini per i disabili: «La connotazione data alla struttura dalla Cesarini è differente rispetto ai servizi e progetti dei quattro appartamenti già esistenti in città – conclude la Quaglieri -. Questo ci permette di dire che la città può contare su una vasta gamma di servizi rivolti alle persone con disabilità, nel rispetto di Daniela che resterà sempre un esempio». La struttura che occuperà i locali dell’edificio delle ex Giuseppine sarà una comunità alloggio per persone con disabilità lievi: «La Regione – spiega il Direttore dell’Asp Franco Pesaresi – nel luglio del 2020, ha stabilito i requisiti che devono avere queste strutture. Il nostro progetto rispecchia questi parametri».
A chi è destinata la casa-alloggio? «Ad adulti – prosegue Pesaresi – maggiorenni, con disabilità, privi di validi riferimenti familiari e che mantengono una buona autonomia tale da non richiedere la presenza continua di operatori e che possono dunque autogestire, almeno parzialmente, la struttura. Rispetto agli altri appartamenti, questa casa è di dimensione leggermente più elevata, rispetto al numero di ospiti potenziali, e prevede una qualche forma di assistenza anche se modesta». La struttura sarà gestita dall’Asp, come sottolinea il presidente Matteo Marasca: «Con orgoglio, metteremo il massimo impegno nella gestione di questo servizio in risposta al lascito importante della Cesarini che tanto si è spesa per la comunità. Sarà nostro compito rendere onore al suo gesto per la città, dando seguito alle sue battaglie per i diritti dei disabili».

 

 

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.