Maiolati, associazioni costrette allo sfratto: via dalle ex Elementari entro il 31/01. - Password Magazine

Maiolati, associazioni costrette allo sfratto: via dalle ex Elementari entro il 31/01.

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

MAIOLATI  – Amaro epilogo per la vicenda che, dopo la caduta dell’Amministrazione Consoli, ha più di tutti animato il dibattito pubblico maiolatese – moiarolo.

Le associazioni che avevano sede nel plesso delle ex scuole elementari saranno fatte sgombrare entro il 31 gennaio.

Grande la delusione da parte delle associazioni coinvolte che unite diffondono un nota:

«Il Gruppo delle Associazioni del Comune di Maiolati Spontini interessate dalle ultime vicissitudini sull’utilizzo dei locali della ex scuola elementare di Moie esprimono profondo rammarico per l’ultima e raggelante comunicazione giunta il 10/01/2023 dal Commissario Allegretto» si legge nella nota congiunta firmato da “Le Associazioni di Moie” che rivendicano con orgoglio il fondamentale ruolo e l’incisivo valore sociale che nel territorio rivestono, mettendo in evidenza l’impegno che nell’ultimo periodo ha portato le stesse ad una profonda rimodulazione delle attività per far fronte alla problematica.

«Ebbene, dalla breve e scheletrica nota inviataci il cui contenuto complessivo si riassume in un vero e proprio sfratto associativo, si evidenzia una caduta in contraddizione del Commissario, il quale nelle prime righe, pur riconoscendo alle nostre associazioni una grande valenza sociale, subito appresso ordina lo sgombero dai locali entro il 31.1.2023 – proseguono le associazioni — Occorre evidenziare che le associazioni hanno fatto un notevole sforzo per concentrare le proprie attività sociali presso un unico locale, con ogni difficoltà contingente a stabilire gli orari, l’organizzazione degli accessi e la ripartizione delle spese e rispetto a tutto ciò, la glaciale risposta all’ultima comunicazione inviataci dal comune è stata quello dello sgombero dall’edificio con tanto di intimazione a non accedere ai locali, alla riconsegna delle chiavi e addirittura allo sgombero del materiale depositato».

E aggiungono: «A noi pare che le riunioni concertative fatte nel corso di questi mesi abbiano avuto poca valenza se non dirette a coprire una scelta che era stata già presa sin dai primi dell’avvento commissariale ovvero quella di sfrattare le associazioni.

Di certo la scelta dell’Amministrazione uscente che si stava consolidando nel dare apertura all’utilizzo parziale della ex scuola a costi idonei e senza forzati sgombri, non è stata condivisa appieno dal Commissario, il quale, tramite gli uffici competenti ha chiesto alle Associazioni l’importo di oltre 15.000 euro per l’utilizzo di circa 300 mq di area interna.

Costi non solo sostenibili ma triplicati rispetto a quelli immaginati; il tutto per l’utilizzo di meno di un terzo delle porzioni dei locali.

Qualora le cifre fossero state ragionevoli, le Associazioni avrebbero fatto sicuramente la loro parte e con estremi sacrifici avrebbero potuto pagare le quote indicate, ma di fronte ad una richiesta così esosa, le Associazioni non avranno altra scelta che quella di cessare le loro attività e/o trasferirsi altrove».

Banner-Montecappone
Montecappone

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.