Moschea a Jesi, Lega Nord protesta. Kazi Fokhrul: "Avviate verifiche ma non sarà una moschea" | | Password Magazine
Festival Pergolesi

Moschea a Jesi, Lega Nord protesta. Kazi Fokhrul: “Avviate verifiche ma non sarà una moschea”

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce
Una foto scattata alla Festa della comunità bengalese

JESI – Un nuovo centro culturale per stranieri in via Gorgolungo (dietro al Penny Market), in un edificio a due piani di circa 600 metri quadrati. E’ il progetto portato avanti dal consigliere comunale Islam Kazi Fokhrul, “il primo obiettivo di questo incarico”, come ha ribadito durante la festa della comunità bengalese di domenica scorsa per la fine del Ramadan alla presenza del sindaco Massimo Bacci, componenti della Giunta e consiglieri comunali. L’attuale sede in via Erbarella, infatti, sarebbe troppo piccola – circa 130 metri quadrati – e pericolosa per i bambini che si trovano immediatamente a ridosso della strada e del traffico. Soprattutto il venerdì, giorno di massima affluenza con centinaia di fedeli che si riuniscono per la preghiera più importante. Ci vorranno 400 mila euro per acquistare l’immobile di via Gorgolungo, risorse da reperire tramite una raccolta fondi interna alla comunità: secondo quanto dichiarato da Islam Kazi Fokhrul, il nuovo centro non dovrà essere destinato solo alla preghiera ma divenire anche un luogo di aggregazione e attività culturali con corsi di lingua straniera, affinché usi e costumi non vadano persi ma tramandati alle nuove generazioni.

 

Silvia Gregori, Lega Nord

Progetto che non passa inosservato alla Lega Nord che prontamente, tramite la consigliera comunale Silvia Gregori, nonché vice presidente nella commissione consiliare Sicurezza, ha da subito voluto vederci chiaro sulla questione: “Mi sono confrontata con gli organi comunali e a quanto pare non esiste nessun rilascio in corso – scrive la Gregori – Semmai dovrà passare per la commissione, non senza accorgimenti e restrizioni: come Lega Nord è nostra intenzione conoscere quale sarà la provenienza dei finanziamenti, chiedere che ci sia l’obbligo d’uso della lingua italiana all’interno della moschea e, visto che nella zona che hanno individuato non sono previsti luoghi di culto, dovrà esserci una variazione al piano regolatore. Senza contare che, sulla questione, avranno voce in capitolo anche le forze dell’ordine, chiamate a verificare che il luogo da adibire a moschea sia sufficientemente accessibile, visibile e facilmente controllabile. Una scelta di questo tipo deve essere comunque condivisa con la cittadinanza. Vista la situazione, invito il consigliere comunale straniero ad essere molto cauto nelle proprie esternazioni”.

Islam Kazi Fokhrul, consigliere comunale straniero

Intanto Islam Kazi Fokhrul fa sapere di aver già avviato le necessarie procedure di verifica per ottenere l’approvazione del Comune: “Mi sono già rivolto all’area tecnica per conoscere la reale fattibilità del progetto. Mi hanno detto che sarà necessario modificare in gran parte la destinazione d’uso dell’edificio anche se la parte avanti dell’immobile, a piano terra (circa 126 metri quadrati), risulterebbe già utilizzabile per attività di tipo culturali”. E su questo puntualizza: “Non si tratta infatti di edificare una moschea a Jesi, come è stato detto, ma piuttosto realizzare un centro da utilizzare sia per la preghiera che attività sociali e culturali”. Nessun problema sull’utilizzo del lingua italiana, dice Kazi Fokhrul: “Vorremmo che la nuova sede possa essere anche utilizzata per corsi di lingua italiana rivolta a stranieri. Corsi che potranno essere aperti ed estesi anche ad altre comunità, non solo quella bengalese o di religione islamica. Dopo tutto, sono il consigliere comunale straniero e vorrei essere un punto di riferimento per tutti gli stranieri presenti in città”.

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.