Screening a Jesi, l'assessore Quaglieri: «Fare il tampone come atto di responsabilità» | Password Magazine

Screening a Jesi, l’assessore Quaglieri: «Fare il tampone come atto di responsabilità»

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Circa 6 mila persone prenotate fino a lunedì e alcuni posti ancora disponibili. Questo il primo bilancio dello screening con tamponi rapidi partito stamattina al PalaTriccoli, riservato ai cittadini dell’ambito territoriale di Jesi e Vallesina.

Screening Jesi

A lavoro la macchina organizzativa, con personale sanitario e Protezione civile all’opera per assicurare operazioni veloci e in sicurezza, evitando ogni rischio di assembramento. Quattro i tavoli per il check-in, dodici postazioni per i tamponi e posti a sedere per chi in attesa: a rendere più snelle e veloci le operazioni, dall’accoglienza al check-out,  i volontari della Protezione civile, coordinati dal responsabile provinciale Lorenzo Mazzieri presente già da stamattina sul posto. «Ci sono 12 volontari al giorno che si occupano di ricettività, gestione delle file, fotocopie e igienizzazione, offrendo supporto al personale sanitario – spiega Mazzieri -. Diverse le associazioni di volontariato jesine che hanno aderito a queste giornate, offrendo il loro impegno e contributo». Sono il Nucleo Volontari Carabinieri “Leoni Rampanti”, il Club Subacquei di Jesi, Cinofili.

WhatsApp Image 2021-01-16 at 12.35.11
Il coordinatore provinciale della Protezione civile Lorenzo Mazzieri

A vigilare su sicurezza e ordine pubblico le forze di Polizia, compresa la Polizia locale presente con il comandante Cristian Lupidi.

Polizia locale_screening Jesi
La Polizia locale del Comune di Jesi presidia l’area

Dall’accettazione, l’utente passa a fare il tampone, si registra e attende l’esito del referto. Se positiva, la persona viene accompagnata alla postazione per il test molecolare.

C’è soddisfazione da parte dei vertici della sanità per questa prima giornata di screening:

Dott. Corrado Ceci, direttore del Distretto di Jesi: «Sta procedendo tutto bene, devo fare un encomio a chi questa mattina è qui a lavorare in sinergia. Nessun problema da segnalare, questo mi rende orgoglioso. Buona l’adesione, obiettivo è captare il positivo e isolarlo in modo da evitare i contagi. Questa è una prova generale per le vaccinazioni di massa che inizieranno già dalla fine prossima settimana a partire dalle case di riposo».

Dello stesso parere il direttore dell’Area Vasta 2 dott. Giovanni Guidi: «Il modello applicato a Jesi è quello già sperimentato ad Ancona, Senigallia e Fabriano. Da parte dell’utenza c’è buona adesione e nessun assembramento da segnalare grazie agli sforzi congiunti tra Comune, Protezione civile e Asur. Questa è una prova generale di ciò che potremmo ipotizzare per la vaccinazione di massa. Obiettivo lo screening per valutare quanti positivi asintomatici ci sono: dalle esperienze precedenti la percentuale è dello 0,6 e 0, 7% dei soggetti tamponati».
screening Jesi
«C’è ancora spazio per ulteriori prenotazioni da effettuare on line (Info: http://bit.ly/2XtNlcS) – commenta l’assessore alla Sanità Marialuisa Quaglieri -. Questa dei tamponi è un’opportunità, faccio un appello alla responsabilità di ciascuno di noi: l’ospedale Carlo Urbani è sotto pressione, la situazione è in sofferenza: stiamo chiedendo uno sforzo ai cittadini ma dobbiamo tenere duro, c’è una luce in fondo al tunnel ed è il vaccino. In questo momento cerchiamo di rispettare ancora di più le regole per salvaguardare tutti noi. Questo è doveroso, per noi, i nostri cari e gli operatori sanitari che stanno lavorando sopra le loro forze. Un grazie ai Comuni coinvolti in questa operazione, da subito collaborativi e in sinergia, al personale sanitario, a quello della Protezione civile e a tutti coloro che stanno attivamente collaborando affinché tutto proceda per il meglio».

A cura di Chiara Cascio

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.