«Per San Valentino, vi 'racconto' un mazzo di fiori»  | Password Magazine

«Per San Valentino, vi ‘racconto’ un mazzo di fiori» 

logo Cibariando H22
logo Pasticcere
logo Cibariando Pesce

JESI – Si dice che non c’è Amore più grande di quello che lega una madre ai propri figli. E oggi, nel giorno di San Valentino, una famiglia separata geograficamente si riunisce intorno a un mazzo di fiori.
A compiere il miracolo è Miriam Montemanari, architetto e floreal design di Jesi, che nel suo laboratorio di Palazzo Grizi, sa raccontare storie attraverso i fiori. Proprio oggi, ce n’è una dedicata a San Valentino: una mamma jesina è stata raggiunta dai suoi figli lontani tramite un mazzo di fiori. Ed è proprio Miriam a realizzare la composizione.

«Che la delicatezza dei fiori possa abbracciarti cara mamma in un giorno che dei sentimenti fa ragione di vita, in cui la neve scende candida e il cuore pieno d’amore ricerca ogni affetto possibile»  è l’incipit della narrazione.

A San Valentino, si donano fiori ma non bisogna mai scivolare nel banale. Ogni fiore ha infatti un suo carattere e una sua caratteristica, tali che ciascuno è in grado di raccontare molto più di quello che appare agli occhi e all’olfatto. Ce lo insegna Miriam: 

«I fiori comunicano in maniera estremamente efficace desideri, caratteri ed esigenze con il garbo più prezioso, quello della natura – spiega la floreal designer – Come in questo “mazzo raccontato”  di San Valentino in cui descrivo e lego tutti i protagonisti coinvolti, tra sentimenti e significati botanici». E così le rose scarlatte rappresentano i figli, stretti nella comprensione e nell’abbraccio immenso di una madre, ovvero le splendide rose rosa.

Nella danza di colori c’è tutta la famiglia: i fiori dell’eryngium, fedeli e vicini, decisi ed eleganti, sono «l’ uomo rimasto per amore eterno». C’è poi la lavanda che cresce sulle pendici del Conero e che richiama un ricordo di vita dei genitori; i fiori dell’aster, semplici e viaggiatori rimandano all’Europa che fa da sfondo a un vissuto. Gli eucalipti sono l’amore resiliente, come quello di una mamma per un figlio, il trachelium è protezione. 

Perché in fondo, ciascun figlio è «un giardino segreto» che cresce grazie alle cure di una madre e i fiori possono raccontare un grande abbraccio, anche se parte da lontano. 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.