Piazza Pergolesi, una sega misteriosa, teli rimossi e macchie di sangue | | Password Magazine
Banner Aprile IH Victoria

Piazza Pergolesi, una sega misteriosa, teli rimossi e macchie di sangue

JESI – Transenne forzate, teli di copertura strappati via, una macchia di sangue. Poi l’inquietante sega con la scritta Non è che un debutto.

Sembra la scena di un film horror e invece no: è come appariva il cantiere di Piazza Pergolesi ieri mattina.

Cerchiamo di fare chiarezza su questa combinazione di “elementi” che, nel loro insieme, hanno suscitato curiosità e irrequietezza in chi vi si imbatteva.

La sega dentellata. In un articolo pubblicato ieri mattina (21 aprile), Password aveva denunciato la presenza dell’arnese  appoggiato ai pannelli della massiccia recinzione a “muraglia”. La scritta Non è che un debutto riportata lungo la lama della sega, farebbe pensare a un gesto di protesta contro il progetto di restyling della piazza, lo spostamento del monumento, lo stop ai lavori per la nomina del nuovo archelogo o l’imponente recinzione che impedisce ai cittadini di vedere cosa accade all’interno.

A questo si aggiungono anche un paio di “baffi” disegnati sul volto di Pergolesi raffigurato sul pannello decorativo.

Secondo alcuni commercianti della zona, l’arnese era lì posizionato da almeno due giorni. Non si sa per opera di chi. Fatto sta che ieri mattina la Polizia Municipale lo ha recuperato e portato in Comando, sopratutto per ragioni di sicurezza.

La copertura rimossa. Incuriosisce che i teli posizionati a copertura del lato del cantiere che confina con via XV Settembre siano caduti a terra, quasi strappati via, lasciando la piazza scoperta e esposta agli sguardi. Probabilmente, è stato per mano di qualche vandalo che ha anche tentato di forzare le transenne magari con l’intenzione di entrare.

Il sangue. C’è una macchia di sangue vicino ai teli tirati via e alle transenne manomesse. Sembrerebbe appartenere ad un uomo ubriaco che durante la serata di venerdì ha battuto la testa e ne ha perso un po’ dal naso.

C’è una correlazione tra questi elementi oppure si tratta di una semplice coincidenza?

Intanto il Partito Democratico di Jesi ha voluto esprimere la propria condanna ai recenti atti vandalici riscontrati sulla facciata della Chiesa Santa Maria delle Grazie e sui pannelli di copertura del cantiere in Piazza Pergolesi.
“Chi deturpa la proprietà pubblica fa un danno alla città e a tutta la comunità – questa la dichiarazione del Segretario Pd Jesi Stefano Bornigia – Occorre una riflessione seria collettiva sul bene comune, sul valore di simboli come le Chiese, scambiate troppo spesso come luogo di “ bivacco”. In merito ai lavori di rifacimento di piazza Pergolesi, vigileremo sul restauro in modo critico e attento senza dare spazio a polemiche sterili, false e fuorvianti”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.